Archivi categoria: Uncategorized

“Winston Reid and the fighting underdog spirit could bring New Zealand to Brazil”, says Jesse Edge

Immagine Jesse (from the left) playing against the United States at the 2011 FIFA U-17 World Cup. (c) FIFA.com

It’s not that common to see a young player from New Zealand trying to make a name for himself in Italy, a country not very well known for its relationships with the “land of the long white cloud” when it comes to football. But this means little for Vicenza Calcio young gun Jesse Edge, who wants to be the first Kiwi of a long series to build a tradition of New Zealand footballers in the Mediterranean land.

An 18-year-old with experience at two youth World Cups, Jesse is considered by many as for the future and is part of the much-claimed golden generation which could bring smiles and success to the football lovers of the country for the years to come.

Your move to Vicenza seemed to have come out of nothing, as many thought you would have signed for an English clubs after your trials! Tell us about how it happened.

I had a trial in England at Birmingham City which fell through in the end. My now agent Stefano Tigani and Fillippo Contorno were talking with my manager Declan Edge and I about a trial here at Vicenza Calcio. The coaches liked what I had to offer and it all went from there.

According to you, which are the biggest differences between youth football in Italy and New Zealand?

I can’t judge really because I have played men’s football in New Zealand since the age of 14. The standard here is good and I am here to keep progressing myself as a player and moving forward. This is a very good experience for me and already I have learnt a lot.

You are the second New Zealander who has played for Vicenza in recent times, after Liam Graham spent two years in their youth system from 2010 to 2012. Do you think this growing relationship between the club and New Zealand could open the doors for other youngsters who aim to play in a top football nation in Europe?

Many young New Zealand players aspire to play in Europe. However, there is limited opportunities for young Kiwis to come to Europe. I hope that other young NZ footballers can become motivated by seeing what is possible for them if they put in the hard work and dedication.

Why would you recommend Italy as a possible destination for New Zealand players?

The football culture in Italy is incredible and the fans are very passionate about following their clubs. It is a great experience with the style of play and the atmosphere of the games here is second to none. It’s one of the best football countries in the world.

What have you enjoyed most of Italy in these few months you’ve spent there?

The people here have been very good to me. They are all very understanding and help me a lot with me speaking very little Italian. The coaching staff and team mates at the club have made it a good experience for me so far and I have learnt a lot from them. Also the gelato is very good!

What’s your target of the season?

My target for this season is to improve myself as a player and prepare for first team football. And also make an impact straight away for the team and play well.

Many of the players from the team that reached the round of 16 in the 2011 U-17 World Cup are now playing at professional level with prestigious clubs in Europe, such as Tim Payne at Blackburn, Bill Tuiloma at Olympique Marseille, Cameron Howieson with Burnley, Scott Basalaj with Partick Thistle and now you in Italy. Do you think that many of that squad (you included) could very well represent the backbone of the next generation of All Whites, maybe starting from the 2018 World Cup?

There is a group of very good young players coming through out of New Zealand at the moment. I think there is a very good chance that a good chunk of that 2011 U-17 World Cup team will kick on and play for the All Whites in the 2018 World Cup. Cam, Tim and Bill are already making their All Whites debut.

New Zealand is playing a crucial play-off with Mexico in November. Give us your final score, and tell which could be the key factor for the two-legged tie that could the All Whites a ticket to Brazil.

I think for New Zealand it will be two very tough fixtures as Mexico will be a quality opponent. Although in football everyone knows that anything can happen in two 90 minute games. I think that Mexico will be to tough for New Zealand at the Azteca Arena and will win 1-0, but I think at the fortress, Westpac Stadium, New Zealand will bring it back and win 2-0 (2-1 aggregate). The key factor for New Zealand will be Winston Reid and always that fighting underdog spirit.

Azkals made history after 2-1 win over Tajikistan

For the Azkals fans today was another day to remember. We can definitely say that a new era has begun.

The Philippines made history today after they celebrated their progress to the next stage of the AFC Challenge Cup with a crucial 2-1 win over Tajikistan thanks to goals from Phil Younghusband and Angel Guirado. This is the first time in history that the Azkals have overcome the first round of the competition, proving once again how far the country has developed in recent times. But the best is yet to come, and the 2015 Asian Cup is not too far away.

In the semifinal they’ll be facing Turkmenistan, a team that has showed an impressive form so far, winning all the encounters conceding just a goal, in the first match against the Maldives. But for this Azkals side the Green Men are all but a beatable opponent, despite they were demolished 5-0 when the teams last met in 2009.

But things could have gone even better for the Azkals, because the team they’ve sent to Nepal, the host country of the Challenge Cup, is not the best available for their coach Michael Weiss. Infact there’s a huge number of half-Filipino players currently playing at decent level in Europe, but many of them weren’t allowed to leave for Nepal by their clubs, and others have not decided which country they should represent at international level yet.

This is the formation that German coach Michael Weiss could field against Turkmenistan, and in the eventual final:

Etheridge
Martinez Sabio Gier Cagara
J.Younghusband Mulders J.Guirado A.Guirado
Caligdong P.Younghusband

But in the best of the hypothesis, Weiss could line up a team such as this:

Etheridge
Schrock Lucena Woodland Cagara
J.Younghusband Mulders Reed A.Guirado
P.Younghusband Ramsay

Here the additions of the second squad:

Stefan Schrock (1986) – right back/ right midfielder playing for Greuther Furth, leaders of the 2.Bundesliga. Current Azkal
Jerry Lucena (1980) – centre back/ holding midfielder playing for AGF Aarhus in the Danish Superliga. Current Azkal
Luke Woodland (1995) – extremely promising centre back playing for Bolton Wanderers Reserves and England national u18 team. Not called up yet
Adam Reed (1991) – central midfielder currently playing for Leyton Orient on loan from Sunderland. Not called up yet
Iain Ramsay (1988) – left winger/ second striker playing for Adelaide United in the A-League. Not called up yet

This second team is clearly much stronger than the first, and it won’t be a dream for Azkals fans to see them all together fighting for the pride of the country one day. There could be another star, Jonathan de Guzman, but the Villareal midfielder seems more likely to choose Canada over the Philippines.

Surely, it could have been much easier to fight North Korea, by far the strongest team of the competition, with so many Europe-based players. But the current Azkals team has already players with great and respectable skills, and it’s not impossible for them to win the trophy. Just look at what India did in 2008, or Tajikistan in 2006.
The masterpiece would be even bigger. And all the Azkals’ fans must believe in their side, they can make it.

By Christian Rizzitelli

Inter, andiamo a conoscere gli avversari della tournée in Indonesia

Verso la fine di maggio, l’Inter di Claudio Ranieri partirà per l’Indonesia con destinazione Jakarta per disputare una serie di amichevoli contro delle selezioni locali, come ultimo appuntamento della stagione. E’ un’occasione irripetibile per i tantissimi sostenitori della Beneamata di nazionalità indonesiana, perchè per la prima volta potranno confrontarsi da vicino con i loro beniamini. Ma l’Inter, che avversari si troverà di fronte? E il popolo nerazzurro, che cosa deve aspettarsi da questa strana ma avvincente tournèe?

Indonesia, una nazione che vive per il calcio, ma…

Da diversi anni a questa parte il calcio ha seminato tutti gli altri sport per popolarità e passione tra il popolo indonesiano. Si potrebbe benissimo dire che l’Indonesia è un paese che vive per il calcio, e in certi casi lo dimostra anche troppo platealmente (è sovente vedere incidenti sugli spalti tra le tifoserie). Ma ciò nonostante, il Team Garuda (così la nazionale viene soprannominato dai supporters) e i vari club non hanno mai ottenuto risultati degni di nota, nè sembrano sulla strada giusta per provare a strappare qualche successo. Infatti tra questioni politiche (addirittura esistono due campionati di prima divisione con due federazioni totalmente distaccate l’una dall’altra!), mancanza di strutture adeguate, soldi spesi male e completa inesistenza di progetti a lungo termine su basi solide, l’Indonesia continua a sprecare il proprio patrimonio umano collezionando delusioni. Ultime in ordine cronologico la sconfitta in finale contro gli acerrimi rivali della Malesia nei SEA Games (competizione giocata in casa, fra l’altro) e l’en plein di 5 ko su 5 partite nel terzo turno di qualificazione ai Mondiali in Brasile.

Gli avversari: la nazionale e la selezione Best XI

Nella sua tournèe l’Inter giocherà due partite: la prima contro la nazionale indonesiana (non si è ancora ben capito se la nazionale maggiore, o under 23), la seconda contro una selezione dei migliori calciatori del campionato (sarebbe più corretto dire “campionati”) locale.
Sono entrambe due partite semplici sulla carta, anche se l’atmosfera dello stadio in cui disputeranno gli incontri, il Gelora Bung Karno Stadium, impianto da 88,000 posti capace di creare un’atmosfera incredibile in ogni circostanza, può sempre risultare una fattore a favore degli uomini Aji Santoso.
L’avversario più ostico dei due è sicuramente la selezione dei migliori undici del campionato, che comprenderà diversi giocatori stranieri, soprattutto africani, australiani ed europei a fine carriera.

Andik Vermansyah: il Messi indonesiano

L’unico giocatore che potrebbe creare problemi all’Inter è il giovane Andik Vermansyah, conosciuto in patria come il Messi d’Indonesia.
L’accostamento, sebbene molto azzardato, rispecchia notevolmente la considerazione che i media locali e gli appassionati del calcio indonesiano hanno sul ragazzo classe ’91.
E’ il classico giocatore molto stile-sudamericano, rapido con la palla tra i piedi, veloce in accelerazione, minuto fisicamente, brevilineo e molto tecnico con entrambi i piedi.
Nell’ultima sessione di mercato, che a breve si concluderà, è stato oggetto d’interesse di squadre come Benfica, Porto, Los Angeles Galaxy e Novara. Potrebbe trattarsi del primo, vero, espatriato calciatore indonesiano in Europa (l’altra speranza è il 18enne Arthur Irawan, attualmente nella Cantera dell’Espanyol), anche se il suo status di extracomunitario è un ostacolo difficile da superare che lo costringe a rimanere al Persebaya Surabaya. E viene anche da sorridere se pensiamo che il miglior talento del paese da bambino vendeva ghiaccio per le strade per potersi permettere di realizzare il suo sogno.

Una terra fertile per il marketing

L’Indonesia è una terra molto fertile per il marketing delle migliori società calcistiche europee. Rare amichevoli del genere vengono viste come eventi nazionali per poter dimostrare all’Europa il proprio valore e per permettere ai fans di osservare da vicino e dal vivo i loro idoli. Ma come l’Indonesia, anche altri paesi dell’ASEAN (il Sudest asiatico) calzano a pennello sotto quest’aspetto, come Thailandia e Malesia. Organizzare più spesso eventi del genere porterebbe benefici da ambo le parti. Che sia l’inizio di una lunga serie?

A cura di Christian Rizzitelli

Cambogia, il lavoro sui giovani tra amichevoli domestiche, accademie e…Cannavaro

I recenti disastri riportati ad ogni competizione disputata hanno costretto la federazione cambogiana ad una vasta revisione tecnico-organizzativa, con la speranza di ottenere risultati migliori già a partire dall’anno appena cominciato. Vediamo insieme le modifiche ed innovazioni apportate dalla CFA tra partite domestiche, varie scuole accademiche ed arrivi eccellenti, che ci riguardano da vicino.

Obiettivo Suzuki Cup 2012: amichevoli e preparazione

Il grande obiettivo (al momento utopistico) della federazione cambogiana è la qualificazione della nazionale maggiore alla Suzuki Cup, la massima competizione tra nazionali della Asia sudorientale che si terrà in Malesia e Thailandia nel dicembre prossimo.
Per presentare una squadra quantomeno accettabile al torneo di qualificazione che si svolgerà solamente un mese prima della manifestazione in Myanmar, è iniziata una fase di preparazione che coinvolgerà ogni rappresentativa nazionale cambogiana, sia senior che under, per aumentare il quantitativo di talento a disposizione del ct coreano Lee Tae Hoon, indipendentemente dall’età dei calciatori.
La prerogativa è semplice: giocare il più possibile per creare meccanismi funzionanti e per favorire il gioco di squadra.
Lee Tae Hoon deve però trovare il giusto equilibrio per i suoi giocatori, che, non va dimenticato, sono divisi tra club e nazionale. Infatti molti di loro, ad esempio, salteranno la preparazione al campionato cambogiano per disputare una serie di amichevoli sotto la sua guida contro squadre della terza divisione locale, non proprio una scelta azzeccatissima.

Le academies

Novità interessanti si stanno verificando anche sul fronte dei settori giovanili dei club, le cosiddette academies.
I ragazzi (in molti casi possiamo tranquillamente dire bambini, viste le età) giocano molte più partite durante l’anno che durano più a lungo (40′ a tempo dagli under 13!) e fanno tornei internazionali nei paesi vicini (Vietnam, Laos, Myanmar), per confrontarsi con realtà calcistiche tecnicamente migliori, che permetteranno loro di acquisire un bagaglio di esperienza più ricco.
Le squadre giovanili dei club più importanti (come il Phnom Penh Crown) giocano inoltre diverse amichevoli contro avversari d’età superiore, per prepararsi ed allenarsi ad affrontare difficoltà sotto l’aspetto fisico, lo storico tallone d’Achille dei paesi sudest asiatici.

Marketing: ecco Cannavaro!

Le indiscrezioni trapelate nei giorni scorsi sono state confermate: Fabio Cannavaro sbarcherà in Cambogia l’8 gennaio per un’iniziativa a favore del calcio locale.
L’ex difensore della nazionale campione del mondo di Germania 2006 rimarrà in terra cambogiana per due giorni, dove, oltre a svolgere varie attività di marketing nelle migliori boutiques del paese, passerà buona parte del suo soggiorno nei panni di allenatore ad insegnare calcio a dei ragazzini, presumibilmente all’Olympic Stadium di Phnom Penh, l’impianto sportivo più all’avanguardia della Cambogia.
I media locali sono ovviamente in subbuglio ed estremamente impazienti: mai un calciatore col titolo di campione del mondo era sbarcato nel paese, si tratta di un evento unico nel suo genere che risulterà efficace e soddisfacente per la promozione di questo sport.

In conclusione possiamo affermare che il movimento calcistico cambogiano sta lentamente progredendo, nonostante i passi da fare prima di un’effettiva crescita siano ancora giganteschi.
Si tratta pur sempre di un inizio, e noi ci auguriamo che col tempo la Cambogia potrà cogliere qualche frutto dal suo lavoro.

A cura di Christian Rizzitelli

SEA Games: le tigri ruggiscono ancora

Ancora una volta Malesia. Per la seconda volta consecutiva, sono le tigri ad aggiudicarsi il torneo disputato tra le nazionali under 23 dell’Asia del Sudest, grazie ad una drammatica vittoria in finale ai calci di rigore contro la deludente Indonesia, paese ospitante della manifestazione.

Il torneo

Tutti gli undici paesi della zona subcontinentale hanno preso parte alla manifestazione, per un totale di undici squadre suddivise in due gironi. Il Gruppo A, che comprendeva Indonesia, Malesia, Thailandia, Cambogia e Singapore, è stato vinto da Malesia ed Indonesia; il Gruppo B, composto da Vietnam, Filippine, Myanmar, Laos, Timor Est e Brunei, è stato vinto invece da Vietnam e Myanmar. Le semifinali sono andate come da pronostico: l’Indonesia ha superato per 2-0 il Vietnam, con i gol di Wanggai e Bonai, mentre la Malesia ha vinto solo all’85’ contro il super sorprendente Myanmar, grazie a Fakri. La finale, giocata al Gelora Bung Karno Stadium di fronte ad oltre 90,000 spettatori, sì è conclusa sull’1-1 ai supplementari (per l’Indonesia rete di Gunawan al 5′, per la Malesia pareggio al 34′ di Asraruddin, tutto nel primo tempo) ed ai rigori è stato decisivo il portiere malese Khairul Fahmi, che parato due rigori, regalando la vittoria ai suoi. Medaglia di bronzo per il Myanmar che ha schiantato 4-1 il Vietnam nella finalina per il terzo posto.

La partita

Come scontato, la partita più importante e suggestiva dell’intero torneo è stata la finale tra l’Indonesia e la Malesia, nazioni divise da un’acerrima rivalità. Le squadre si erano già incontrate nella fase a gironi, con la Malesia che era uscita meritatamente vincitrice per una rete a zero (decisivo al 17′ Syahrul). La finale però è tutta un’altra partita: l’Indonesia domina e passa in vantaggio dopo pochissimi minuti con un’incornata di Gunawan da calcio d’angolo, ma la Malesia riacciuffa il pari al 34′ con un gol abbastanza rocambolesco del terzino sinistro Asraruddin, giocatore che vanta ben 25 presenze nella nazionale maggiore. Il Team Garuda cerca di riportarsi in vantaggio, sospinto da un pubblico rumorosissimo, ma si deve arrendere alle prodezze di Khairul, vero man of the match dell’incontro. Ed il portiere del Kelantan FA (squadra del campionato malese) conclude in bellezza la sua splendida performance parando due rigori, dopo che la partita si era conclusa in parità al 120′. Ed ecco allora concretizzarsi l’ennesima delusione per l’Indonesia, il cui 2011, sia a livello senior che giovanile, è stato un completo disastro.

La sorpresa: il Myanmar

Senza ombra di dubbio, nessuno si sarebbe aspettato un torneo così positivo per il Myanmar. Da squadra materasso a rivelazione inaspettata: anzi, se non fosse stato per le parate del solito Khairul in semifinale, probabilmente la squadra dello svedese Hansson sarebbe pure approdata in finale, dove se la sarebbe giocata a viso aperto contro l’Indonesia. I calciatori burmesi hanno dimostrato di saper giocare a calcio, e anche da squadra: quattro vittorie (3-2 al Laos, 4-0 al Brunei, 5-0 alle Filippine, 1-0 a Timor Est) e un pareggio (0-0 col Vietnam, partita giocata per larghi tratti in inferiorità numerica) su cinque partite nel girone sono sicuramente un ruolino di marcia impronosticabile, quasi da schiacciasassi. E anche il 4-1 allo stesso Vietnam (stavolta in 11 contro 11) è un risultato che fa clamore, perchè negli anni la differenza tra le due nazionali è sempre stata piuttosto netta. Ed oltre alla bravura del ct Hansson, il Myanmar deve ringraziare Kyaw Ko Ko, a nostro parere il miglior calciatore dell’intera competizione.

La delusione: le Filippine

Gli Azkals hanno disputato un torneo di gran lunga al di sotto dell aspettative. Una squadra in cui erano presenti otto calciatori che militano tra Europa e Stati Uniti (si tratta della selezione con più calciatori militanti all’estero dell’intero torneo), doveva necessariamente fare qualcosa di più, ma molto di più. Gli uomini di Weiss hanno concluso con una sola vittoria, raggiunta al 93′ contro il Laos (risultato finale di 3-2) e addirittura quattro sconfitte, alcune delle quali clamorose (come contro Timor Est e Brunei), altre umilianti (il 5-0 dal Myanmar). Un netto passo indietro per il calcio del paese, che aveva mostrato segni di progresso evidenti e promettenti, con le recenti prestazioni della selezione maggiore.

Il talento del torneo: Kyaw Ko Ko

Il premio ufficiale di MVP del torneo è stato dato al centrocampista offensivo indonesiano Oktovianus Maniani, ma noi siamo di un altro avviso. Kyaw Ko Ko, 19enne attaccante del Myanmar e titolare stabile nella nazionale maggiore da diverso tempo, è sicuramente il giocatore che ha fatto intravedere talento e classe come nessun altro nell’intera competizione. Attaccante centrale, rapido, tecnico e dotato un buonissimo fiuto del gol (5 reti collezionati in 7 partite, con diversi assist), è stato un tormento continuo per le retroguardie avversarie, che non sono mai riuscite ad arginarlo (meraviglioso il gol del 4-0 alle Filippine, dove ha superato il diretto avversario con uno splendido sombrero). Il suo ct Stefan Hansson gli ha organizzato un provino per gennaio con un club svedese, l’Helsingborg, dove le qualità per poterci giocare non gli mancano. Per ora milita in patria, nello Zeyashwemye, club con il quale ha realizzato ben 20 gol in 18 partite di campionato.

Ma vale la pena nominarne altri

Oltre a Kyaw Ko Ko merita un’ulteriore menzione il portiere malesiano Khairul Fahmi, autore di diversi interventi decisivi e prodigiosi. Il ragazzo classe ’89 si contende con il thailandese Katwin Thammasatchanan (che non ha preso parte al torneo causa infortunio) il titolo di miglior portiere della zona. Inutile dire che una chance in Europa la meriterebbe anche lui. Ma paradossalmente il calciatore malese più interessante non è stato Khairul, ma il 17enne centrocampista centrale della squadra, il baby-fenomeno Nazmi Faiz: il ragazzo classe ’94 ha mostrato delle qualità assolutamente straordinarie per la sua età: precisione nei passaggi, tempi di gioco, senso della posizione, un portentoso tiro dalla distanza (da vedere il gol contro il Bahrein u23 nelle qualificazioni a Londra 2012, una sassata micidiale). Scout di tutta Europa, fate attenzione.
Anche l’Indonesia ha mostrato un paio di calciatori interessanti: su tutti Patrich Wanggai (5 reti nel torneo), definito il Nicolas Anelka locale, e Andik Vermansyah, centrocampista offensivo di 20 anni che avrà l’opportunità della vita con un provino offertogli dai Los Angeles Galaxy.

Note positive

Il ritorno del Brunei Dopo 10 anni di assenza, una selezione del paese torna a giocare in una manifestazione internazionale, scontata la squalifica imposagli dalla FIFA di 10 anni. Ed è stato un torneo più che positivo, con la selezione locale capace di conquistare 4 punti in 5 gare, grazie al 2-1 alle Filippine ed al 2-2 col Laos. Welcome back Brunei.

Tanti calciatori militanti all’estero E’ raro vedere in un torneo tra selezioni di questo livello e di questa zona del mondo così tanti calciatori che militano in campionati europei, statunitensi e perfino sudamericani (vedi Timor Est). In totale c’erano 17 giocatori tra Belgio, Germania (anche in 2. Bundesliga), Slovacchia, Brasile, Spagna, Olanda, Stati Uniti. Non si tratta di un risultato eccezionale, ma rispetto al passato è un piccolo passo avanti, certamente positivo.

Un insolito equilibrio Eccezion fatta per la Cambogia, il livello del torneo è stato molto equilibrato, con diverse partite tirate e dall’esito assai incerto. Segno che i paesi più “deboli” stanno avvicinandosi ai migliori attraverso un lento ma costante progresso, grazie anche all’introduzione di sistemi d’allenamento e di gioco derivati dai modelli europei, come accaduto per Myanmar, Vietnam, Laos e Singapore.

Note negative

La pochezza dell’Indonesia Non ci sono scuse, l’Indonesia avrebbe dovuto vincere il torneo a mani basse. L’unica nazione al mondo con una prima divisione composta da 36 squadre (fortunatamente suddivise in due gironi) non riesce a produrre calciatori di livello dignitoso. I motivi e le problematiche del paese sono risaputi, ma le premesse e le aspettative andavano comunque rispettate, soprattutto per i tifosi.

La Cambogia Ok, la Cambogia non sarà un paese rinomato per il suo livello di calcio espresso, ma è possibile che non si riescano a trovare almeno 11 calciatori decenti in un paese in cui il calcio è lo sport nettamente dominante? Il sistema calcio locale va completamente rifondato, perchè il livello tecnico mostrato dalla nazionale di Lee Tae Hoon è stato da film horror.

Rivalità troppo accese Quando si trovano di fronte Indonesia e Malesia più che calcio di solito si vede una guerra a suon di scarpate, calci, interventi killer, insulti, risse. E questo tipo di rivalità si riflette anche tra le tifoserie, dove gli incidenti sono all’ordine del giorno. E se forse gli animi venissero calmati da entrambe le parti, i due tifosi indonesiani morti nella ressa pre-finale davanti allo stadio, non avrebbero fatto la fine che hanno fatto. Il calcio è sport, non dimentichiamocelo.

A cura di Christian Rizzitelli

Il talento della settimana: Ryo Miyaichi

Come si può diventare calciatori professionisti senza aver mai giocato in una squadra di club, nemmeno dilettantistica? Ve lo spieghiamo presentandovi e raccontandovi la storia di Ryo Miyaichi, il portentoso talento giapponese a cui è dedicata la nostra rubrica settimanale sui giovani più interessanti del panorama asiatico.

Nome: Ryo Miyaichi

Dati anagrafici: Aichi (Giappone), 14/12/1992

Nazionalità: giapponese

Ruolo: ala sinistra

Club: FC Arsenal

Biografia:

Ryo proviene da una famiglia di sportivi, con il padre che è un ex giocatore ed allenatore di baseball, e il fratello Tsuyoshi un calciatore. Ha incominciato a giocare a calcio entrando nella squadra della sua scuola elementare, in un paesino vicino alla città di Nagoya, ed ha continuato a militare nelle franchigie scolastiche anche da ragazzo, nella Chukyodai Chukyo High School. Con la squadra della sua scuola superiore partecipa all’All Japan High School Soccer Tournament, dove però viene immediatamente eliminato al primo turno. Le sue performance però ingolosiscono il commissario tecnico dell’u17 giapponese Yutaka Ikeuchi, che porta Ryo al Mondiale dei suoi coetanei in Nigeria nel 2009.
Dopo aver impressionato nella competizione, l’Arsenal gli offre una serie di provini che supera brillantemente, ed il 31 gennaio 2011 Ryo firma il suo primo contratto di professionista, alla corte di Wenger, che lo ha strappato da un’agguerritissima concorrenza.
Qualche giorno (diciamo pure qualche ora) dopo viene mandato in prestito al Feyenoord, dove debutta il 5 febbraio contro il Vitesse giocando tutti i 90 minuti, venendo eletto man of the match. Il suo primo goal con la maglia degli olandesi arriva poco più tardi, contro l’Heracles Almelo. Il 17 aprile sigla la sua prima doppietta nel 6-1 al Willem II.
I tifosi ed i media olandesi l’hanno soprannominato Ryodinho, per le sue somiglianze tecniche (con le dovute proporzioni ovviamente, vista l’età) con Ronaldinho.
In questa stagione Ryo fa parte della prima squadra dell’Arsenal, con cui ha debuttato in League Cup contro lo Shrewsbury Town (e ha già incantato i tifosi, per le sue giocate contro il Bolton, sempre in League Cup). Con i Gunners è stato anche in panchina nel preliminare di Champions League vinto ai danni dell’Udinese.
Curiosità: la federazione inglese (FA) inizialmente non aveva garantito al giovane nipponico il permesso di lavoro per poter giocare in Premier League, ma dopo diversi appelli dell’Arsenal e della Japan Football Association, il 9 agosto il permesso viene ottenuto, in quanto “talento eccezionale”.

Caratteristiche tecniche:

Tecnicamente è il miglior talento in circolazione nell’intero panorama nipponico, e non a caso è stato paragonato a Ronaldinho, e definito il Messi del Giappone.
E’ un giocatore molto creativo, dotato di una grande inventiva, che riesce a sfruttare a pieno grazie alle doti tecniche, anch’esse davvero eccezionali: in dodici presenze al Feyenoord ha siglato 3 reti e assistito 5 volte i suoi compagni, mostrando anche un’impressionante continuità di rendimento per la sua età.
Principalmente occupa la posizione di ala sinistra, ma è abile anche a giocare sul versante opposto, o dietro le punte, anche se questo ruolo gli limita il dribbling e le accelerazioni, le sue chiave vincenti, che gli permettono senza troppi problemi di saltare l’uomo.
Da annotare anche una spiccata visione di gioco, che mischiata alla sua tecnica gli permette di passare il pallone con precisione.
Insomma, trovare dei calciatori così giovani e così dotati è veramente difficile. Ed è per questo che, davanti a lui, si prospetta un futuro pieno di soddisfazioni.

Carriera internazionale:

A livello giovanile ha giocato con le selezioni u17 (5 presenze e 2 reti) e u19 (8 presenze e una rete) del Giappone, mentre non è ancora arrivata la chiamata dalla selezione maggiore di Zaccheroni. Va bene, ci vorrà tempo, non dimentichiamo che ha ancora 18 anni, e che i Samurai Blu lì davanti sono pieni di gente: c’è chi scalpita per tornare su livelli della passata stagione (Kagawa), chi non smette più di segnare (Havenaar), chi ha trovato finalmente il giusto adattamento al calcio europeo (Okazaki). Insomma, il buon Ryo dovrà ancora aspettare un pò. Ma col talento che si ritrova, appena avrà l’opportunità di giocare con regolarità nel suo club (che sia l’Arsenal, o altrove in un eventuale prestito), sarà difficile, se non impossibile per Zac, lasciarlo fuori.

A cura di Christian Rizzitelli

Tutto il calcio mondiale, nei minimi dettagli

Benvenuti su AsianOceanianFootball, il blog che parlerà nella maniera più dettagliata possibile di tutto il calcio proveniente da Asia, Oceania e non solo;  verranno anche trattati temi anche di maggior rilievo e interesse mediatico, come i Mondiali, la Serie A, la Premier League, la Champions League; non mancheranno analisi rigogliose su calciatori, talenti, tattiche, squadre e aneddotti.

Segui il nostro blogger su Facebook, YouTube e Twitter!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: