Archivi Blog

AOFC (Asian Oceanian Football Confederation): ten reasons why Oceania should say yes

The Asian Oceanian Football Confederation. The solution to long-standing troubles such as isolation, backwardness and scarce international competitiveness which continuously involve the OFC (Oceania Football Confederation) could be found there, in the neighboring Asiatic counterpart. Without any doubt integrating Oceanian countries in a fast-growing scenario like Asia would represent a decisive, historic turn for the football played on the Pacific islands, which have had few chances to attract interest outside their relatively small continent so far.

Obviously it’s just an idea and nothing like this is on the table right now, but let’s analyze together which could be the ten biggest benefits which would derive from the birth of the AOFC.

1.International competitiveness

If you’ve ever heard someone talking about Oceania, New Zealand, Fiji and Tonga on sports matters, they were probably related to the continent’s dominant sporting activity, rugby, in which all of them excel brilliantly on the global stage. Apart from New Zealand, where a footballing culture is growing up after the All Whites‘ heroics at the last World Cup in South Africa, barely you can associate the names of these countries to football, as many Oceania’s nations would find it hard even to compete against clubs from the Italian sixth tier.

2.The clubs

The same can be said about clubs. It doesn’t make so much sense playing continually against the same opponents, especially considering their low technical level.

At international level, OFC club teams can prove themselves only at the Club World Cup, where they often have to face off some of the strongest Asian teams in an uneven and difficult play-off.

It’s by far more useful that these teams play with a certain regularity at improved standards, and not just once a year. And getting the chance to play clubs like Kelantan, Nagoya, Arema or Seongnam, despite they’re not Barcelona or Manchester United, would already be an enormous step forward to the right direction.

3.Technical development

Oceanian football would heavily improve in many different aspects, from the growth of young players to a more professional management of societies. A technical development which groups any side of football both on and off the pitch must be considered the turning point around which all the the others would subsequently rotate.

4.The economical aspect

As football is considerably expanding as a worldwide multi-million market, the economical aspect is a hugely relevant part of the game. The Oceania Football Confederation actually lives of funds coming from sponsors and partnerships with other federations (the FA of England, the Australian FFA), and recently some drawbacks from Oceania’s football governing body showed how much they need to find a solid business stability in order of avoiding to affect the game in the continent. For example, OFC general secretary Tai Nicholas in September revealed that OFC couldn’t provide the broadcast of the 2014 World Cup qualifiers across the continent as it would have meant a cost of USD 140,000 for OFC TV, the confederation’s production unit, despite tv broadcasters from Tahiti and New Caledonia had already bought the rights. “We have to operate financially and be prudent with our funds and OFC TV was facing a USD 140,000 loss in the live production. This does not make good business sense and it would have been irresponsible of us to proceed any further,” he declared. “We apologize for the situation but there are high costs involved and great difficulties logistically in the production of such matches with games played across four countries within a few days of each other.”

Surely in Asia it would be extremely unlikely to face another situation like this, especially for matches such as the World Cup qualifiers.

And inevitably, the local federations of the Pacific nations can’t afford the costs of the organization of friendly matches at the current state of things.

All of us know how necessary is money in sports today, and for an upgrade of football in Oceania is indispensable a parallel economic improvement.

5.The passion of fans

In some Oceanian countries, like the Solomon Islands and Vanuatu, football is considered the national sport, it’s widely played and gets thousands of followers. Local fans deserve to see their dreams come true one day, like watching their national team winning a once-in-a-lifetime match. And if you question the real existence of the passion for the game, just think that more than 10,000 fans watched the 2011 South Pacific Games final in New Caledonia, or that over 22,000 people came out to witness the Solomon Islands securing a 2-0 win against Tahiti in their first match of the 2014 FIFA World Cup qualification games.

6.The chance of playing regularly

Factors like excessive costs and a lack of interest from international mass media contribute to positioning football at the lowest levels of the continental sports hierarchy. So we don’t have to be surprised if we discover that most of Oceanian countries play some international games just once every four years, during the South Pacific Games or the WC qualifiers, when these two tournaments don’t coincide, reducing even more the number of games that every country plays. And without any game time, improving is a titanic task-

7.A greater visibility

Let’s imagine that Indonesia and Papua New Guinea, two bordering countries, organize a friendly match. The Guineans, apart from playing a kind of derby with their Asiatic neighbours, would receive attention from an entire footballing nation like Indonesia, which counts more than 200 millions people. It would be a completely different new situation, as their opponents usually don’t number even 100,000 people among them (American Samoa, Tuvalu and so on).

And also national talents would take advantage of the visibility that Asian football guarantees, for not getting snobbed just reading their provenance on their identity cards. Because unfortunately it’s so difficult to find a player good enough for professional football on the Pacific islands that we shouldn’t be shocked to see things like these happening.

8.New Zealand: the British style in Asia

Not only the OFC would take advantage from an association with its Asian counterpart but also the AFC could improve a lot with a theoretical entrance of New Zealand, whose football’s impressively improved in recent years. Not only the All Whites shocked the world with their unbeaten run at the last World Cup, but also the youth national teams have shown glimpses of class, demonstrated by prowesses of high-promising talents with the likes of Leicester City’s Chris Wood, who has scored 13 goals so far in the Championship, and the labelled ‘KiwiMessi’ Marco Rojas, who is literally ripping up his opponents in the A-League.

A team who is based on a typical Britannic physicity with a huge amount of quality emerging: a more than interesting calling card for New Zealand.

9.The ‘Oriundos’: future heroes?

Some points above I had written that it’s very difficult to find some footballers suitable for professional football in the Pacific zone. Yet it’s difficult but not impossible, as there are Benjamin Totori from the Solomon Islands, who plays as a super-sub for the Wellington Phoenix in the A-League, Georges Gope-Fenepej of Troyes and Lorient’s Wesley Lautoa, both from New Caledonia, who ply their trade in the French Ligue 1, and the list could go on. But this list could even be much more longer if we consider all the players native of these Oceanian countries who could potentially represent their originary nation: just think of Marama Vahirua, a former France U-21 international who recently declared he’d like to represent Tahiti at the next Confederations Cup, Central Coast Mariners left-back Brad McDonald, who was born in Papua New Guinea, or Western Sydney Wanderers’ Tahj Minniecon, whose blood is mixed up with Vanuatuan heritage. There are many others unfortunately unavailable now, like Reading centre-back Adrian Mariappa, who could have played for Fiji instead of Jamaica, or Nouméa-born Frédéric Piquionne, who could have boosted Les Cagous’ team for the World Cup qualifiers hadn’t he chosen Martinique and France over them, or, referring to the past, 1998 World Cup winner Christian Karembeu, born in Lifou, New Caledonia, and the greatest Oceanian player of all time.

It’s easily understandable that most of these players chose to play for stronger national teams instead of their little-known native countries, but things would change had the Pacific islands the chance of fighting for relevant targets in the footballing panorama.

Why on Earth should Brad McDonald or Tahj Minniecon decide to play for teams who only get a handful of matches every four years instead of living with the potential hope of playing a World Cup with Australia (despite it seems unlikely for them)?

10.The history

The birth of the AOFC would mark the start of a new era for football in Oceania. And for these small countries every chance of playing would be historic, a pleasurable novelty, which would then become a habit. Unfortunately the ideas of just few people to make a whole continent dream will never be enough, a turn like this needs that the first steps come from the OFC’s headquarters. The only thing we can do is waiting for some good news, and maybe continuing to spread and create new ideas. Let’s hope one day we’ll wake up seeing this dream come true.

 

Top five OFC Nations Cup’s uncapped players abroad

AsianOceanianfootball takes a look at the top five uncapped Oceanian players abroad who could have played in the upcoming edition of continent’s top competition.

Marama Vahirua – AS Monaco – Age: 32

Papeete-born Marama Vahirua’s presence in the tournament could have given a major boost to Tahiti’s hopes of reaching Nations Cup semifinals and subsequently the third round of OFC qualifiers for 2014 FIFA World Cup in Brazil. The 32-year-old, who is now plying his trade in France’s second-tier with AS Monaco, is a full Tahitian citizen and despite having represented France at U-21 level, is still eligible to wear the Pacific nation’s shirt. With 309 matches and 69 goals in Ligue 1 with clubs such as Nantes, Nice Lorient and Nancy, Vahirua would have certainly been the most experienced striker of the competition and one of the biggest threats for the opponent defenders. He was awarded the Oceania Footballer of the Year’s trophy in 2005.

Frédéric Piquionne – West Ham United – Age: 33

West Ham United’s Frédéric Piquionne is by far the best footballer New Caledonia has ever produced after 1998 World Cup winner Christian Karembeu. The former Lyon and Saint-Etienne striker counts a cap for France national team in a friendly against Austria in 2007, but it’s unlikely to play again with Les Bleus and technically would have been eligible for his native country after new FIFA permissions of changing alliance if the matches played are only friendlies, as happened with USA’s Jermaine Jones, a former member of Germany national team. A powerful and strong striker, Piquionne has scored 83 league goals in his flourishing European career.

Wesley Lautoa – FC Lorient – Age: 25

New Caledonia have a solid and promising defender in Lorient’s Wesley Lautoa. The 24-year-old centre back was born in France in Epernay but holds New Caledonian passport thanks to his family’s heritage and is regarded as one of the most hopeful continent’s defender in Europe, with All Whites England-based Tommy Smith and Winston Reid. A muscular injury prevented him from playing regularly with his Ligue 1 outfit in his first six months at the club, after moving from second division team Sedan Ardennes in January.

Adrian Mariappa – Watford – Age: 25

Watford captain Adrian Mariappa almost joined Fiji national team for the previous Nations Cup but in the end he decided not to take up the place. The Jamaica international, who made his debut with the Reggae Boyz in a friendly match against Guyana in May, has still a chance to play for his father’s native country but now it seems highly unlikely he will join the team as his international career has just begun. Mariappa has Premier League experience on his shoulders having played 19 matches with Watford in the 2006-07 season, and was close to a return to England’s top flight competition after attracting interest from clubs with the likes of Wigan Athletic and Newcastle. He was voted Watford’s player of the 2011-12 season.

Brad McDonald – Central Coast Mariners – Age: 22

Talented left-back Brad McDonald represents one of Papua New Guinea’s stars of the future. The Kudjip-born defender plays in Australia for A-League Premiership winners and AFC Champions League team Central Coast Mariners, but he’s yet to debut with Graham Arnold’s side as he faces a hard challenge in fighting with the league’s most accomplished left-back Joshua Rose. McDonald made a name for himself in Australia’s top division after a stellar season with axed North Queensland Fury in 2010-11, which allowed him to sign a contract with the New South Wales franchise.

By Christian Rizzitelli

A-League, la situazione a dieci turni dal termine

Sebbene sia prevista per questo fine settimana la sedicesima giornata, considerando i vari match infrasettimanali la maggior parte dei club dell’A-League ha già disputato 17 partite, il che significa che il campionato ha abbondantemente superato il suo giro di boa.
Con soli dieci turni al termine della Regular Season prima delle entusiasmanti finals, andiamo ad analizzare quella che è stata finora la settima stagione del massimo campionato australiano.

La classifica: dominano i Mariners

Dominatore incontrastato è stato il Central Coast Mariners del mago Graham Arnold, allenatore diventato ormai leggenda per il club gialloblu. La franchigia del New South Wales ha collezionato 37 punti, nove in più della seconda classificata, il Brisbane Roar, fermo a quota 28, dominatore della passata stagione.
E proprio il Brisbane aveva incominciato il campionato in maniera straordinaria, con 6 vittorie e 2 pareggi nelle prime 8 giornate, striscia che aveva permesso agli Orange di superare il record di gare consecutive senza sconfitta tra tutti gli sport del paese, superando il record della squadra di rugby dell’Eastern Suburbs risalente addirittura a 76 anni fa, con 36 match di fila senza mai perdere. E proprio dopo lo storico traguardo, gli uomini di Ange Postecoglou hanno staccato la spina, perdendo addirittura le successive cinque partite, lasciando così la strada spianata per la vetta al Central Coast, che nelle ultime 14 partite disputate ne ha vinte undici, pareggiandone tre.
La forza della squadra di Arnold non sta solamente in una grandissima organizzazione collettiva, permessa dallo spirito di sacrificio e abnegazione di ogni giocatore, ma soprattutto nel coraggio che l’ex allenatore dei Socceroos ha avuto nel lanciare i giovani: infatti i punti di forza dei Mariners sono tutti giocatori giovanissimi ma estremamente talentuosi, tra cui spiccano il portiere Matt Ryan, un ragazzo nato nell’aprile 1992 con alle spalle già 46 partite ufficiali, il centrocampista offensivo Mustafa Amini, stella assoluta di 18 anni in prestito dal Borussia Dortmund, l’attaccante di origini nigeriane Bernie Ibini Isei, anche lui 19enne ma capace di fare reparto da solo nella squadra, tant’è che è stato designato da molti come l’erede naturale del Dukes, il mitico Mark Viduka. Quest’ultimo paragone è forse un pò azzardato, ma spiega bene di che livello sia il materiale tecnico a disposizione dell’allenatore gialloblu.

Le grandi deluse: il Melbourne Victory

La stagione della squadra più titolata in Australia è stata fin qui disastrosa. Nonostante l’arrivo della leggenda Harry Kewell, il club ora sotto la guida di Jim Magilton ha ottenuto risultati oltremodo deludenti, con soli 19 punti raccimolati in 16 partite. Decisamente troppo poco per la rosa a disposizione, ma i dati diventano ancora più allarmanti se sottolineamo le 5 sconfitte su 7 partite giocate in trasferta e le sole 3 vittorie su 9 gare tra le mura amiche. Risultati che hanno portato all’esonero del manager con il quale i Victory avevano cominciato la stagione, Mehmet Durakovic, il cui apporto è stato davvero nullo o quasi alla causa della squadra. La società spera che con un uomo col carisma di Jim Magilton le cose possano cambiare, ma la missione dell’ex tecnico dell’Ipswich è tutt’altro che semplice. Nonostante tutto, il Melbourne Victory ha la fortuna di giocare in un campionato estremamente equilbrato come l’A-League, e le Finals sono distanti pochissimo. Ma serve immediatamente invertire la tendenza.
Alla lista delle squadre deluse bisogna aggiungere il Gold Coast United. La squadra di Miron Bleiberg è ultima in campionato, ma la stagione è ancora salvabile. Ciò che condanna la franchigia del Queensland non sono tanto i risultati sul campo, ma l’approssimativa gestione societaria del ricchissimo proprietario Clint Palmer che costringe la squadra a giocare praticamente a porte chiuse, dato che lo Skilled Park è sempre deserto, ed è l’unico stadio del campionato ad avere una media spettatori davvero bassa. Per non rovinare l’immagine del campionato e per non diventare la terza società dopo New Zealand Knights e North Queensland Fury a sparire dalla competizione, sono necessari interventi urgenti per sistemare la situazione.

Un equilibrio sottilissimo

Ciò che caratterizza questa stagione dell’A-League è un sostanziale equilibrio. Tra l’ultima della graduatoria, il Gold Coast United, e la sesta classificata (ultima piazza disponibile per i play-off), il Sydney FC, ci sono solamente sei punti di distanza, un divario piuttosto ristretto considerando che mancano dieci giornate al termine.
Se non ci fosse il Central Coast Mariners, che vola spianato verso la Premiership, si tratterebbe del campionato più equilbrato di sempre. Ma occhio alle sorprese, perché in partite come quelle delle fasi finali, che sono gare secche, non sempre il più forte riesce a spuntarla. E il bello è proprio questo.

AFC Champions League 2012: cosa aspettarci?

Per la prima volta da quanto l’Australia è membro dell’AFC, saranno tre e non due le squadre partecipanti alla massima competizione continentale: Brisbane Roar, Central Coast Mariners e Adelaide United, le prime tre classificate nella stagione passata. Il Brisbane non avrà un girone particolarmente complesso, con Bejing Guoan, FC Tokyo e Ulsan Hyundai, mentre sarà più dura per il Central Coast Mariners, che se la vedrà con Nagoya Grampus, Tianjin Teda e Seongnam. Infine l’Adelaide United giocherà contro Bunyodkor, Gamba Osaka e la vincitrice tra Buriram PEA e Pohang Steelers, in un girone difficile ma non impossibile per gli uomini di Kosmina.
Non essendoci altre competizioni di spessore quest’anno, tutte le speranze calcistiche del 2012 dell’Australia sono rivolte alle performance nella AFC Champions League, sperando che si riesca finalmente ad ottenere qualche risultato di prestigio, dato che, fatta eccezione per l’Adelaide United nel 2008, le squadre australiane sono sempre state deludenti nella manifestazione.

A-League 2011/2012 – Classifica

Central Coast Mariners 37
Brisbane Roar 28
Melbourne Heart 25
Wellington Phoenix 24
Perth Glory 22
Sydney FC 20
Melbourne Victory 19
Adelaide United 19
Newcastle Jets 18
Gold Coast United 14

Team of the Season (17 giornate)

Ryan
Bojic Zwaanswijk Durante Behich
Fred Amini M.Thompson
Nichols Berisha Dugandzic

Sostituti:

Covic
Franjic
Wilkinson
Muscat
Halloran
Antonis
A. Thompson

Coach:

Graham Arnold

A cura di Christian Rizzitelli

Il talento della settimana: Marco Rojas

Il ragazzo su cui puntiamo i fari questa settimana è un giovanissimo esterno offensivo mancino che con delizie tecniche di prima qualità ha incantato tutti i fan dell’A-League la passata stagione.
Neozelandese di passaporto, cileno di origine: e proprio ad uno strepitoso calciatore cileno viene continuamente paragonato in patria (e non solo): stiamo parlando di Alexis Sanchez.
Forse Rojas non arriverà a giocare nel Barcellona come il Nino Maravilla, ma le potenzialità per una carriera nel calcio che conta in Europa non mancano, anzi. Gli scout e osservatori farebbero bene a segnarsi sui loro taccuini questo nome, perchè ne sentiremo parlare.

Nome: Marco Rojas:

Dati anagrafici: Hamilton (Nuova Zelanda), 5/11/1991

Nazionalità: neozelandese

Ruolo: ala sinistra, trequartista

Club: Melbourne Victory

Biografia:

Il nostro Marco diventa un calciatore professionista a soli 17 anni dopo aver superato un provino vinto tramite un concorso con il forum ufficiale dei tifosi del Wellington Phoenix, squadra dell’A-League.
In precedenza aveva militato nel Waikato FC, squadra della ASB Premiership, il campionato semi-professionistico neozelandese.
Nella sua prima stagione gioca poco (solo quattro brevi apparizioni), ma nella seconda (2010/2011) esplode il suo talento e diventa la stella della squadra, nonchè uno dei calciatori più temuti dell’intero campionato. Finirà la stagione con 17 presenze e 2 reti.
Le sue performance portano diversi club europei di campionati di prima fascia ad interessarsi al giovane fenomeno dei Phoenix, ma Marco preferisce aspettare prima di fare il grande passo, firmando un biennale per un’altra squadra dell’A-League, il Melbourne Victory, non dopo un addio in circostanze piuttosto controverse.
Debutta con il Melbourne l’8 ottobre nella prima giornata di campionato contro il Sydney.

Caratteristiche tecniche:

Marco è un’ala sinistra, estremamente veloce e molto dotato tecnicamente, che fa del dribbling la sua qualità principale.
Come già detto, ricorda per caratteristiche Alexis Sanchez: calciatore brevilineo, rapidissimo, bravissimo a creare superiorità numerica: in un campionato fisico come l’A-League giocatori di questo tipo fanno pesantemente la differenza.
All’occorrenza Rojas è stato schierato anche come trequartista, ma la posizione centrale limita le sue doti di corsa, davvero impressionanti.
E’ stato conosciuto dal grande pubblico dopo una performance da man of the match contro il Melbourne Victory l’annata passata: oltre all’assist dell’uno a zero (un cross delizioso per la testa di Macallister) e alla rete del raddoppio, Rojas è stato una zanzara fastidiosissima, imprendibile un tormento continuo per le difesa avversaria. E da lì, è stato un crescendo continuo, segno anche di aver acquisito consapevolezza nei propri mezzi. Anche in nazionale, in un amichevole contro l’Australia, ha quasi umiliato il suo avversario di corsia, l’esperto Wilkshire, facendosi notare per esplosività e movimento.
Insomma, le doti per sfondare e per diventare uno dei calciatori neozelandesi più forti di sempre ci sono tutte, gli serve solo un pò più di continuità, dato che come molti giocatori a lui simili, tende a scomparire un pò troppo spesso a partita in corso.

Carriera internazionale:

Rojas ha disputato con la sua nazionale i recenti Mondiali Under20 in Colombia, giocando però relativamente poco e condizionato da un infortunio subito durante la preparazione della competizione. Ma il suo segno l’ha comunque lasciato, con l’assist a Bevin nel gol del momentaneo 1-0 nella partita contro l’Uruguay. Con gli Young All Whites ha chiuso con un totale di 4 reti in 7 presenze.
Giocatori in Nuova Zelanda con un talento simile è difficile trovarne, così, dopo nemmeno 15 partite da professionista, il ct Ricki Herbert l’ha fatto debuttare nell’amichevole di marzo pareggiata 1-1 contro la Cina.
Insieme a Chris Wood del West Bromwich (autore di 8 reti in 9 partite in Championship in prestito al Birmingham City) è la più grande speranza del paese per provare a raggiungere la qualificazione a Brasile 2014. Ora la palla passa a Marco, sperando che sia capace di mantenere tutte le promesse che il paese kiwi ha riposto in lui.


The A-League is back

Dopo oltre sei mesi di estenuante attesa, riparte la Hyundai A-League, più semplicemente A-League, il campionato di calcio australiano che stagione dopo stagione si sta rivelando sempre più interessante e competitivo a livello internazionale.
Quest’anno la stagione inizierà solo questo fine settimana per permettere alle squadre di arrivare in forma alla Asian Champions League, che ogni anno si disputa in prossimità del termine della regular season.

I Nuovi Arrivi

L’A-League che verrà porta con sé il nome di quello che è ritenuto il più grande calciatore di sempre del paese, e per molti si tratta anche del miglior acquisto che lo sport australiano abbia mai fatto. Naturalmente sto parlando di Harry Kewell, che ha firmato un triennale con il Melbourne Victory facendo letteralmente impazzire i fans (ben oltre 4,000 presenti al suo arrivo in aeroporto) e mettendo in rilievo tra i media locali l’A-League come non era mai successo prima d’ora.
Kewell è considerato un vero e proprio eroe in patria, il suo arrivo è molto più di un semplice acquisto di calciomercato: porterà tantissimi tifosi negli stadi (previsto il tutto esaurito nel match d’apertura a Melbourne contro il Sydney, e già venduti tutti i biglietti della seconda gara del Victory ad Adelaide), aumenterà l’importanza del calcio nel paese dal punto di vista mediatico e gerarchico sportivamente parlando, perchè è un uomo marketing, un po’ come David Beckham nei Los Angeles Galaxy, e delizierà il pubblico con tocchi di classe che nelle sei stagioni precedenti dell’A-League non s’erano mai visti, a conferma del costante miglioramento tecnico della competizione.
Ma non c’è solo Kewell ad aggiungere qualità all’A-League: ci sono anche Emerton, messo sotto contratto dal Sydney dopo 8 stagioni al Blackburn in Premier League, Vidosic che va all’Adelaide dopo l’esperienza a Norimberga e altri nomi di tutto rispetto come Maceo Rigters, Liam Miller (ex Manchester United), Jonathan Germano dall’Estudiantes.
E anche calciatori con storie particolari ma affascinanti, come i due giocatori della nazionale dell’Eritrea, Ambes Yosief e Samuel Tesfagabr, ingaggiati dal Gold Coast United mentre soggiornavano con lo status di rifugiati in Australia, dopo essere scappati dal loro paese per le continue guerre civili.

La squadra da battere

Per la prima volta nell’A-League ci sarà una squadra da battere.
Stiamo parlando del Brisbane Roar, una macchina infernale capace di demolire ogni record possibile nella storia di questo sport in Australia durante la passata stagione.
Il “Roarcelona” (come viene definito da quelle parti) ha perso tanti calciatori chiave nell’incredibile successo dell’anno scorso, come McKay, Barbarouses, DeVere.
Ma nonostante questo i rimpiazzi (su tutti ottimi i colpi Jurman dal Sydney e l’ex Amburgo Besart Berisha) sembrano adeguati a sostituire i partenti e il Brisbane rimane la squadra favorita per il titolo, e non potrebbe essere altrimenti dopo il meraviglioso calcio mostrato dalla banda di Postecoglu, certamente il migliore di sempre visto in Australia.
La squadra più attrezzata per fronteggiare i leoni di Brisbane è il Melbourne Victory, ma bisognerà vedere come Kewell e soci reggeranno la pressione della caldissima piazza di Melbourne.
Possibili contendenti il sempre agguerrito Central Coast Mariners e l’Adelaide United, squadra diventata veramente forte dopo l’ottima campagna acquisti.

I talenti da seguire

Proviamo a fare una breve lista dei giovani talenti più interessanti e pronti ad esplodere in questa stagione.

Terry Antonis – 1993 – Sydney FC (mezz’ala destra, centrocampista offensivo)

Antonis è il miglior talento australiano dal punto di vista tecnico, le sue doti qualitative sono eccellenti (tant’è che fu acquistato dall’Everton, ma poi la FFA negò il trasferimento) e questa sembra essere la stagione della sua definitiva consacrazione dopo anni di attesa e di interesse (forse anche eccessivo) mediatico.
E’ dato come titolare nel Sydney, se regge fisicamente in futuro diventerà una stella per la nazionale australiana come poche se ne sono viste finora.

Mustafa Amini – 1993 – Central Coast Mariners (centrocampista offensivo)

Il giovane afro divenuto celebre in Australia dovrà aspettare la fine di ottobre per cominciare la stagione essendo stato vittima di un brutto infortunio qualche settimana fa, e avrà anche voglia di riscattarsi dopo il deludente Mondiale Under 20 disputato.
Le qualità del ragazzo sono indubbie (acquistato dal Borussia Dortmund di Klopp quest’estate,è in prestito ai Mariners per farsi le ossa prima del grande passo), è arrivato il momento di mostrarle con continuità per la definitiva maturazione.

Mark Birighitti – 1991 – Adelaide United (portiere)

Vedere che questo ragazzo estremamente talentuoso farà ancora il secondo dietro un comunque ottimo portiere come Galekovic fa rabbia.
Birighitti ha le potenzialità per fare una carriera sui livelli di quella di Schwarzer (e non è un’esagerazione), ma ha l’età che gioca a suo sfavore, e probabilmente dovrà aspettare un altro anno prima di poter esplodere.
Ma nel caso l’occasione arrivasse, prepariamoci ad assistere alle sue prodezze, che lo hanno portato ad essere il migliore insieme ad Oar nella spedizione colombiana con la nazionale under 20. Insistentemente cercato in estate da Hannover e Kaiserslautern.

Ben Kantarovski – 1992 – Newcastle Jets (centrocampista difensivo)

Se Ben tre anni fa avesse accettato l’offerta del Bayern Monaco con ogni certezza sarebbe già su un palcoscenico di tutt’altro livello, ma il giovane centrocampista dei Jets dovrà aspettare ancora prima di confrontarsi con livelli superiori. Titolare in prima squadra da quando ha 16 anni, ha giocato solo 45 partite in 3 stagioni a causa di ripetuti infortuni, e non ha avuto ancora la chance di mostrare le sue qualità in modo continuativo. Si spera che questa sia l’annata buona.

Marco Rojas – 1991 – Melbourne Victory (ala sinistra, trequartista)

La stella neozelandese che non ha bisogno di presentazioni ha solo il dovere di confermare tutto ciò che di buono ha mostrato la passata stagione, ma dovrà farlo con una maglia diversa, e più pesante, quella del Melbourne Victory.
Se Kewell giostrerà sul centro come sembra, Rojas avrà tutta la corsia di sinsitra per formare un attacco stellare con l’ex Liverpool e i costaricani Solorzano e Hernandez.
Tra tutti quelli nominati finora, è il più pronto, sia per esperienza (già in nazionale maggiore) che per maturità mentale per il grande salto in Europa.

Chiudiamo il nostro preview mostrandovi il video di come l’A-League ci ha lasciato l’anno, con l’epica finale tra Brisbane Roar e Central Coast Mariners.

Il talento della settimana: Tommy Oar

Ho deciso di aprire una rubrica settimanale, dedicata ai talenti emergenti del continente asiatico, e anche oceanico. Il primo della lista è Tommy Oar, stella dell’Utrecht, da molti soprannominato come il nuovo Kewell.

Nome: Tommy Oar

Dati Anagrafici: Southport (Australia), 10/12/1991

Nazionalità: australiana

Ruolo: Ala sinistra

Club: FC Utrecht

Biografia:

Oar sigla il suo primo contratto da professionista a soli 16 anni nel 2008, col Brisbane Roar, squadra della A-League, campionato australiano.
Viene velocemente inserito nei ranghi della prima squadra, con la quale segna la sua prima rete alla seconda presenza in prima squadra (ancora minorenne), con uno splendido calcio di punizione di sinistro vincente al 91′ contro il Wellington Phoenix, dando già l’impressione di essere un predestinato.
La stagione in cui mette in luce il suo talento è quella seguente (2009-2010), in cui seppur giocando solo 18 partite, a causa di un brutto infortunio, viene votato miglior talento del campionato.
Oar attrae molto interesse soprattutto dall’Olanda, con Feyenoord e Utrecht: alla fine la spuntano i secondi, che oltre alla giovane stella acquistano altri due australiani sempre del Brisbane Roar, Sarota e Zullo, per una cifra complessiva di 1,8 milioni di euro.
Nel club olandese Oar fatica a trovare spazio in prima squadra nella sua prima stagione, collezionando in totale solo 13 presenze, soprattutto a causa di due brutti infortuni al ginocchio e a due mesi interi saltati per le qualificazioni al mondiale u20 con la nazionale di categoria, e per la Coppa d’Asia con quella maggiore.
La stagione successiva, quella appena trascorsa, è iniziata in maniera strepitosa, con Oar che sta sostituendo adeguatamente Mertens, partito per il PSV: infatti Tommy ha già segnato due goal (uno bellissimo contro il De Graafschap) e ne ha propiziati 3 con altrettanti assist. Ma non solo, è stato una costante spina nel fianco per gli avversari e ha vinto anche un premio “man of the match” contro il Roda.

Caratteristiche tecniche:

Tommy è un ragazzo di immenso talento, (come già riportato sopra) le speranze dell’intera Australia su di lui sono enormi, tant’è che è stato paragonato ripetutamente dai media per caratteristiche e movenze a Harry Kewell, ex stella del Liverpool e del Leeds.
In comune a Kewell, Oar ha un sinistro strepitoso, sotto ogni punto di vista: oltre a un’innata capacità di crossare, ciò che colpisce di lui sono il tiro da fuori e il dribbling: è specializzato nel battere calci di punizione (oltre al già citato goal contro il Wellington Phoenix, ha siglato anche il goal del torneo al Mondiale Under 20 in Colombia con un piazzato da oltre 30 metri contro l’Ecuador) ed è un rapidissimo dribblatore, la capacità di creare superiorità numerica è probabilmente il suo pezzo migliore.
Oar è un calciatore diverso fisicamente da Kewell (è alto solo 1,68 m), è più adatto a giocare in velocità nei moduli con tre punte , mentre Harry è più adatto al 4-4-2 stile british.
Essendo un ragazzo giovanissimo, sparisce per lunghi tratti dalla partita, è molto discontinuo. Ma questo difetto, che gli ha caratterizzato in negativo le poche presenze nella sua prima stagione all’Utrecht, sembra averlo colmato ora, nelle prime 7 partite giocate ha già fatto registrare due gol e tre assist, con una media voto altissima.
L’anno della sua consacrazione in Europa? E’ presto per dirlo, ma le premesse ci sono tutte.

Carriera internazionale:

Essendo un ragazzo speciale, ha bruciato le tappe in fretta, avendo già giocato due mondiali u20 (quello nel 2011 in Colombia da capitano, con 2 reti in 3 partite giocate vincendo il goal del torneo) ed essendo stato il più giovane australiano a debuttare in nazionale a 18 anni dopo (guarda caso?) Harry Kewell in una partita di qualificazione alla Coppa d’Asia contro l’Indonesia, il 3 marzo 2010 (sebbene fosse stato già convocato da Verbeek nel 2009), venendo votato migliore in campo.
Non ha disputato il mondiale in Sudafrica con i socceroos per pochissimo (escluso nella lista finale), ma è stato convocato per la Coppa d’Asia in Qatar.

A cura di Christian Rizzitelli

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: