Archivi Blog

EXCLUSIVE – From the Netherlands with love: Tuvaluan heroes Alopua Petoa and Vaisua Liva speak on their unbelievable European experience

By Christian Rizzitelli

Follow me on  

October 5, 2012 was one of the days that Tuvaluan people would have never thought to live. A country with just 10,544 dwellers (according to the last census in July 2011), and extremely isolated from the rest of the world, has little chance of getting noticed in a continent like Europe, especially if we’re talking about football, many of you would think. However that day, this apparently unrealizable thing occurred for real. Two little known boys from the tiny island, Alopua Petoa and Vaisua Liva, managed to fly to the Netherlands for a three-month internship with VV Brabantia, a Dutch club currently playing in the country’s sitxh division, thanks to the superhuman work from the Dutch support Tuvalu, an ambitious foundation whose target is to make Tuvalu a member of the FIFA in a few years.

We asked Frank Westerink, a member of the association’s team, our questions, to discover how things have gone so far for the boys, who couldn’t have answered themselves as their English is still improving.

Describe how things have gone so far  for Alopua and Vaisua in the Netherlands.

Both Alopua and Vaisua are very happy so far. They really gained a lot of new experience. They saw sheep for the first time! It’s getting colder and colder in Eindhoven [where they’re currently living] so they both have to get used to that. They even had white smoke coming out of their mouths without smoking! Football also is going good. Alopua and Vaisua are both getting better and better and are really part of VV Brabantia B, they even had the chanse to play with the first team and they made a lot of new friends at the club.

How have they settled down in the Netherlands? Was it easy to adapt to a completely different environment from Tuvalu?

Alopua and Vaisua have adapted to their new enviroment quickly. They gained a lot of new experience but were well looked after by people from the Foundation Dutch support Tuvalu and their football club VV Brabantia. With their personal guides they have all the possibilities to enjoy Eindhoven as much as possible.

What do they miss of their country?

Alopua and Vaisua do miss Tuvaluan fish! In Tuvalu everybody eats fish every day, in Eindhoven they eat a lot of other things. They miss the nice weather as well. It’s too cold in Eindhoven in autumm and winter, and of course Alopua is missing his girlfriend in Tuvalu.

What Tuvaluan people thought when they left for this new extraordinary experience?

In Tuvalu people were very proud and concerned. Proud because they would be the first men to go to the Netherlands to play football, for both of them it’s a huge experience. People were so happy and are hoping many more will follow. The football association, the government and the people of Tuvalu are following almost every step the boys are making.

But also they were concerned as well for the safety of the boys. The football club and the Foundation DsT were able to gain the trust of the people of Tuvalu and then they could eventually come to the Netherlands. 

Which is the thing they appreciate most of football in the Netherlands?

The high level and the high speed. In Tuvalu football is at a good level but is played with a slow speed, mostly because of the bad condition of the football field. The field and the accomodation are of a high level as well at VV Brabantia, it’s almost perfect. Their coaches and team mates give them many advice as well, they do appreciate that a lot. Everybody is trying to make them better players.

Which has been their greatest moment since arriving at Brabantia

There have been many great moments. They played against FC Eindhoven, a professional Dutch club of the Eerste Divisie, they have been skiing and went to a match of PSV. The stadium was full with 40,000 people, while Tuvalu only has about 12,000 habitants [they saw more people in just a stadium than in their whole country!]. Of course they have been visiting some bars in Eindhoven as well with their teammates and they spent with them great evenings.

Did they meet some Dutch people who had already heard of Tuvalu? If yes, what do they think about the country?

There are really just a few people in the Netherlands who know about Tuvalu. Everybody of VV Brabantia knows a little bit about Tuvalu but most of them became interested when they knew Alopua and Vaisua were coming to Eindhoven. People at the gym of Vaisua and Alopua knew a little bit as well. Most people do know that Foppe de Haan was head coach of Tuvalu last year for a few weeks. In general this has been hugely new in the Netherlands. 

Which is the biggest difference between them and the Dutch players they’ve been playing with?

Of course the biggest difference is the language! The thing that is most in common is the passion for football. Vaisua and Alopua are playing in a team of their own level. They get challenged by some players that are better, of course, but there is not much difference between Dutch players and them. There is one big difference for the clubs: in the Netherlands football clubs have many teams, for youth, women and men, while in Tuvalu most clubs only have two or three teams. 

What Tuvalu football should do to improve their game?

Right now the most important thing is a new football field. The Tuvalu stadium has a terrible field, if it has rained a lot the pitch can’t be played at all. The field at VV Brabantia is made of artificial turf and is great to play at. It gives the players the change to play the best possible and it makes the game faster.

Besides that it’s important that the youth of Tuvalu are going to play football, both at school and at clubs. The real skills get developed during the youth and many Tuvalu players haven’t played enough football during while being young.

What needs to be done to spread a football culture in Oceania in their opinion?

There is already a football culture in Oceania but for the smaller countries it’s difficult to set up football as one of their most important sports. For countries like Australia and New Zealand is far easier. However the recent results of  Tahiti are fantastic for Oceania, they will play at the Confederations Cup, an amazing result for them and the continent. For the smaller Pacific islands these results are important, as there is a big competitions with other sports like Rugby. However with time the best sport will get the most attention.

What do they do in their spare time in the Netherlands?

Alopua and Vaisua are very often in the gym. They are trying to gain more and more muscles! They do play a lot of football games at the Play-Station as well and they even went skiing, for both it was the first time. They felt like robots with the ski boots on!

If you had the chance, would they come back to Tuvalu of would they stay in Europe? Why?

Both of them would go back to Tuvalu. They would like to visit Europe again but Tuvalu is their home and that’s important in their country and culture. The families of both the boys live there and the girlfriend of Alopua also lives in Tuvalu. Both of them have an important role now as they’re promoting football on the islands.

Check Alopua and Vaisua’s progress and their amazing adventure in this mini TV series, from the Tuvalu National Football Association’s official YouTube channel! http://www.youtube.com/user/footballtuvalu

Annunci

Top five OFC Nations Cup’s uncapped players abroad

AsianOceanianfootball takes a look at the top five uncapped Oceanian players abroad who could have played in the upcoming edition of continent’s top competition.

Marama Vahirua – AS Monaco – Age: 32

Papeete-born Marama Vahirua’s presence in the tournament could have given a major boost to Tahiti’s hopes of reaching Nations Cup semifinals and subsequently the third round of OFC qualifiers for 2014 FIFA World Cup in Brazil. The 32-year-old, who is now plying his trade in France’s second-tier with AS Monaco, is a full Tahitian citizen and despite having represented France at U-21 level, is still eligible to wear the Pacific nation’s shirt. With 309 matches and 69 goals in Ligue 1 with clubs such as Nantes, Nice Lorient and Nancy, Vahirua would have certainly been the most experienced striker of the competition and one of the biggest threats for the opponent defenders. He was awarded the Oceania Footballer of the Year’s trophy in 2005.

Frédéric Piquionne – West Ham United – Age: 33

West Ham United’s Frédéric Piquionne is by far the best footballer New Caledonia has ever produced after 1998 World Cup winner Christian Karembeu. The former Lyon and Saint-Etienne striker counts a cap for France national team in a friendly against Austria in 2007, but it’s unlikely to play again with Les Bleus and technically would have been eligible for his native country after new FIFA permissions of changing alliance if the matches played are only friendlies, as happened with USA’s Jermaine Jones, a former member of Germany national team. A powerful and strong striker, Piquionne has scored 83 league goals in his flourishing European career.

Wesley Lautoa – FC Lorient – Age: 25

New Caledonia have a solid and promising defender in Lorient’s Wesley Lautoa. The 24-year-old centre back was born in France in Epernay but holds New Caledonian passport thanks to his family’s heritage and is regarded as one of the most hopeful continent’s defender in Europe, with All Whites England-based Tommy Smith and Winston Reid. A muscular injury prevented him from playing regularly with his Ligue 1 outfit in his first six months at the club, after moving from second division team Sedan Ardennes in January.

Adrian Mariappa – Watford – Age: 25

Watford captain Adrian Mariappa almost joined Fiji national team for the previous Nations Cup but in the end he decided not to take up the place. The Jamaica international, who made his debut with the Reggae Boyz in a friendly match against Guyana in May, has still a chance to play for his father’s native country but now it seems highly unlikely he will join the team as his international career has just begun. Mariappa has Premier League experience on his shoulders having played 19 matches with Watford in the 2006-07 season, and was close to a return to England’s top flight competition after attracting interest from clubs with the likes of Wigan Athletic and Newcastle. He was voted Watford’s player of the 2011-12 season.

Brad McDonald – Central Coast Mariners – Age: 22

Talented left-back Brad McDonald represents one of Papua New Guinea’s stars of the future. The Kudjip-born defender plays in Australia for A-League Premiership winners and AFC Champions League team Central Coast Mariners, but he’s yet to debut with Graham Arnold’s side as he faces a hard challenge in fighting with the league’s most accomplished left-back Joshua Rose. McDonald made a name for himself in Australia’s top division after a stellar season with axed North Queensland Fury in 2010-11, which allowed him to sign a contract with the New South Wales franchise.

By Christian Rizzitelli

Tristan da Cunha, il calcio ai confini del mondo

Nel 1506 il navigatore portoghese Tristão da Cunha avvistò un piccolo arcipelago di sole quattro isole, sperduto nel mezzo dell’Oceano Atlantico, quasi a metà tra il Sud America il Sudafrica. Difficilmente, data la scarsa conoscenza geografica dell’epoca, avrebbe potuto immaginare di aver appena scoperto le isole più remote dell’intero pianeta. L’arcipelago, ribattezzato successivamente con il nome di questo marinaio dagli inglesi, dista 2816 km dal Sudafrica, e addirittura 3360 dall’Argentina. In mezzo, il nulla, solo l’oceano, immenso e sterminato. Ma il nostro, caro Tristan da Cunha non avrebbe potuto nemmeno ipotizzare che, in quest’isola semideserta, sarebbe nata la nazionale di calcio più remota di tutte. Una nazionale che può solo scegliere tra una popolazione di soli 264 abitanti, addirittura meno delle piccole isole oceaniche. Una nazionale da guinness dei primati. Sembra incredibile, ma il calcio è arrivato fino lì, fino alle dimenticate isole di Tristan da Cunha.

L’isola

Sotto il nome di Tristan da Cunha si intende sia il gruppo di isole che compone l’arcipelago, sia l’isola principale. Tutti gli abitanti sono concentrati su quest’isola, la maggior parte di essi nella capitale, Edinburgh of the Seven Seas. Il territorio è sotto la giurisdizione del Regno Unito, che fornisce medici, insegnanti e beni materiali. Curiosità: nell’isola sono presenti solamente 8 cognomi differenti, due dei quali di origine ligure, Lavarello e Repetto. Le attività più praticate sono la pesca di aragoste e l’agricoltura, anche se i maggiori introiti arrivano dall’esportazione di francobolli locali, ricercati dai collezionisti di tutto il mondo.

Il calcio: la vera passione degli abitanti

I primi sport importati sull’isola furono il cricket e il golf, il cui campo viene reputato uno dei peggiori del mondo. Ma è il calcio che ha fatto breccia nei cuori dei locali.
I primi racconti riguardo al calcio risalgono ad un libro scritto nel 1926 da Rose Rogers, una missionaria anglicana, che ha vissuto sull’isola insieme al marito per circa tre anni. Ed è stato probabilmente lo stesso reverendo Rogers ad introdurre lo sport sull’isola. Le prime partite, giocate tra locali, non avevano un numero di calciatori per squadra ben definito, e si giocavano su campi destinati all’allevamento di bovini.
Ma intorno agli anni ’40, ci fu una svolta. Per la prima volta, gli abitanti di Tristan da Cunha dovevano affrontare una selezione di avversari stranieri. Si trattavano di pescatori sudafricani e statunitensi, che si opposero ad una selezione formata dagli abitanti dall’isola. Fu questa la prima occasione nella quale Tristan da Cunha selezionò una squadra accostabile ad una nazionale locale. Successivamente vennero affrontati anche avversari provenienti da paesi geograficamente irrangiungibili, come la Norvegia. Dei risultati di queste partite non si ha sfortunatamente traccia.

Ma la mancanza di territori nelle circostanza rese difficile a Tristan da Cunha l’organizzazione di partite con avversari stranieri con una certa regolarità. Tutto questo fino al 2005, quando un abitante locale, Leon Glass, decise di formare una vera e propria squadra di calcio, che avrebbe dovuto opporsi ai visitatori di turno dell’isola, assicurando agli amanti di questo sport dell’isola di giocare con discreta continuità.
Leon Glass trovò uno sponsor per le magliette (colori ufficiali bianco e blu), la compagnia di pesca Ovenstone Agencies, e diede vita alla squadra locale, nonchè nazionale a tutti gli effetti del piccolo arcipelago, la Tristan da Cunha Football Club.

I risultati della nazionale di Tristan da Cunha finora sono stati più che soddisfacenti: si sono registrate vittorie con larghi margini, come il 10-5 contro l’International Salvage XI nel 2008 (selezione formata da equipaggi di due navi diverse), o il 9-0 contro gli RFA Black Rovers, partita giocata neanche un anno fa.
Sarebbe fantascientifico se un giorno potessimo vedere quest’incredibile isola affiliata a qualche federazione continentale, per affermare definitivamente il successo di questa piccolissima nazionale. Ma prima è bene che qualcuno, munito di gesso, tracci le linee d’area di rigore e di centrocampo sul campo locale (denominato American Fence pitch), almeno per avere un terreno inquadrabile in cui disputare le partite.

Foto della nazionale di Tristan da Cunha La nazionale di calcio di Tristan da Cunha ed il campo locale

Per una volta ho deciso di fare uno strappo alla regola e di non parlare di calcio oceanico e asiatico, anche se, leggendo questa favola, vengono immediate le analogie con le Isole Pitcairn, arcipelago tra Nuova Zelanda e Tahiti, sperduto come Tristan da Cunha, ma con addirittura meno abitanti, soltanto 48. Il calcio è già arrivato dove l’uomo non è potuto arrivare, ma le sfide per lo sport più bello del mondo non finiscono qui.

A cura di Christian Rizzitelli

SEA Games: le tigri ruggiscono ancora

Ancora una volta Malesia. Per la seconda volta consecutiva, sono le tigri ad aggiudicarsi il torneo disputato tra le nazionali under 23 dell’Asia del Sudest, grazie ad una drammatica vittoria in finale ai calci di rigore contro la deludente Indonesia, paese ospitante della manifestazione.

Il torneo

Tutti gli undici paesi della zona subcontinentale hanno preso parte alla manifestazione, per un totale di undici squadre suddivise in due gironi. Il Gruppo A, che comprendeva Indonesia, Malesia, Thailandia, Cambogia e Singapore, è stato vinto da Malesia ed Indonesia; il Gruppo B, composto da Vietnam, Filippine, Myanmar, Laos, Timor Est e Brunei, è stato vinto invece da Vietnam e Myanmar. Le semifinali sono andate come da pronostico: l’Indonesia ha superato per 2-0 il Vietnam, con i gol di Wanggai e Bonai, mentre la Malesia ha vinto solo all’85’ contro il super sorprendente Myanmar, grazie a Fakri. La finale, giocata al Gelora Bung Karno Stadium di fronte ad oltre 90,000 spettatori, sì è conclusa sull’1-1 ai supplementari (per l’Indonesia rete di Gunawan al 5′, per la Malesia pareggio al 34′ di Asraruddin, tutto nel primo tempo) ed ai rigori è stato decisivo il portiere malese Khairul Fahmi, che parato due rigori, regalando la vittoria ai suoi. Medaglia di bronzo per il Myanmar che ha schiantato 4-1 il Vietnam nella finalina per il terzo posto.

La partita

Come scontato, la partita più importante e suggestiva dell’intero torneo è stata la finale tra l’Indonesia e la Malesia, nazioni divise da un’acerrima rivalità. Le squadre si erano già incontrate nella fase a gironi, con la Malesia che era uscita meritatamente vincitrice per una rete a zero (decisivo al 17′ Syahrul). La finale però è tutta un’altra partita: l’Indonesia domina e passa in vantaggio dopo pochissimi minuti con un’incornata di Gunawan da calcio d’angolo, ma la Malesia riacciuffa il pari al 34′ con un gol abbastanza rocambolesco del terzino sinistro Asraruddin, giocatore che vanta ben 25 presenze nella nazionale maggiore. Il Team Garuda cerca di riportarsi in vantaggio, sospinto da un pubblico rumorosissimo, ma si deve arrendere alle prodezze di Khairul, vero man of the match dell’incontro. Ed il portiere del Kelantan FA (squadra del campionato malese) conclude in bellezza la sua splendida performance parando due rigori, dopo che la partita si era conclusa in parità al 120′. Ed ecco allora concretizzarsi l’ennesima delusione per l’Indonesia, il cui 2011, sia a livello senior che giovanile, è stato un completo disastro.

La sorpresa: il Myanmar

Senza ombra di dubbio, nessuno si sarebbe aspettato un torneo così positivo per il Myanmar. Da squadra materasso a rivelazione inaspettata: anzi, se non fosse stato per le parate del solito Khairul in semifinale, probabilmente la squadra dello svedese Hansson sarebbe pure approdata in finale, dove se la sarebbe giocata a viso aperto contro l’Indonesia. I calciatori burmesi hanno dimostrato di saper giocare a calcio, e anche da squadra: quattro vittorie (3-2 al Laos, 4-0 al Brunei, 5-0 alle Filippine, 1-0 a Timor Est) e un pareggio (0-0 col Vietnam, partita giocata per larghi tratti in inferiorità numerica) su cinque partite nel girone sono sicuramente un ruolino di marcia impronosticabile, quasi da schiacciasassi. E anche il 4-1 allo stesso Vietnam (stavolta in 11 contro 11) è un risultato che fa clamore, perchè negli anni la differenza tra le due nazionali è sempre stata piuttosto netta. Ed oltre alla bravura del ct Hansson, il Myanmar deve ringraziare Kyaw Ko Ko, a nostro parere il miglior calciatore dell’intera competizione.

La delusione: le Filippine

Gli Azkals hanno disputato un torneo di gran lunga al di sotto dell aspettative. Una squadra in cui erano presenti otto calciatori che militano tra Europa e Stati Uniti (si tratta della selezione con più calciatori militanti all’estero dell’intero torneo), doveva necessariamente fare qualcosa di più, ma molto di più. Gli uomini di Weiss hanno concluso con una sola vittoria, raggiunta al 93′ contro il Laos (risultato finale di 3-2) e addirittura quattro sconfitte, alcune delle quali clamorose (come contro Timor Est e Brunei), altre umilianti (il 5-0 dal Myanmar). Un netto passo indietro per il calcio del paese, che aveva mostrato segni di progresso evidenti e promettenti, con le recenti prestazioni della selezione maggiore.

Il talento del torneo: Kyaw Ko Ko

Il premio ufficiale di MVP del torneo è stato dato al centrocampista offensivo indonesiano Oktovianus Maniani, ma noi siamo di un altro avviso. Kyaw Ko Ko, 19enne attaccante del Myanmar e titolare stabile nella nazionale maggiore da diverso tempo, è sicuramente il giocatore che ha fatto intravedere talento e classe come nessun altro nell’intera competizione. Attaccante centrale, rapido, tecnico e dotato un buonissimo fiuto del gol (5 reti collezionati in 7 partite, con diversi assist), è stato un tormento continuo per le retroguardie avversarie, che non sono mai riuscite ad arginarlo (meraviglioso il gol del 4-0 alle Filippine, dove ha superato il diretto avversario con uno splendido sombrero). Il suo ct Stefan Hansson gli ha organizzato un provino per gennaio con un club svedese, l’Helsingborg, dove le qualità per poterci giocare non gli mancano. Per ora milita in patria, nello Zeyashwemye, club con il quale ha realizzato ben 20 gol in 18 partite di campionato.

Ma vale la pena nominarne altri

Oltre a Kyaw Ko Ko merita un’ulteriore menzione il portiere malesiano Khairul Fahmi, autore di diversi interventi decisivi e prodigiosi. Il ragazzo classe ’89 si contende con il thailandese Katwin Thammasatchanan (che non ha preso parte al torneo causa infortunio) il titolo di miglior portiere della zona. Inutile dire che una chance in Europa la meriterebbe anche lui. Ma paradossalmente il calciatore malese più interessante non è stato Khairul, ma il 17enne centrocampista centrale della squadra, il baby-fenomeno Nazmi Faiz: il ragazzo classe ’94 ha mostrato delle qualità assolutamente straordinarie per la sua età: precisione nei passaggi, tempi di gioco, senso della posizione, un portentoso tiro dalla distanza (da vedere il gol contro il Bahrein u23 nelle qualificazioni a Londra 2012, una sassata micidiale). Scout di tutta Europa, fate attenzione.
Anche l’Indonesia ha mostrato un paio di calciatori interessanti: su tutti Patrich Wanggai (5 reti nel torneo), definito il Nicolas Anelka locale, e Andik Vermansyah, centrocampista offensivo di 20 anni che avrà l’opportunità della vita con un provino offertogli dai Los Angeles Galaxy.

Note positive

Il ritorno del Brunei Dopo 10 anni di assenza, una selezione del paese torna a giocare in una manifestazione internazionale, scontata la squalifica imposagli dalla FIFA di 10 anni. Ed è stato un torneo più che positivo, con la selezione locale capace di conquistare 4 punti in 5 gare, grazie al 2-1 alle Filippine ed al 2-2 col Laos. Welcome back Brunei.

Tanti calciatori militanti all’estero E’ raro vedere in un torneo tra selezioni di questo livello e di questa zona del mondo così tanti calciatori che militano in campionati europei, statunitensi e perfino sudamericani (vedi Timor Est). In totale c’erano 17 giocatori tra Belgio, Germania (anche in 2. Bundesliga), Slovacchia, Brasile, Spagna, Olanda, Stati Uniti. Non si tratta di un risultato eccezionale, ma rispetto al passato è un piccolo passo avanti, certamente positivo.

Un insolito equilibrio Eccezion fatta per la Cambogia, il livello del torneo è stato molto equilibrato, con diverse partite tirate e dall’esito assai incerto. Segno che i paesi più “deboli” stanno avvicinandosi ai migliori attraverso un lento ma costante progresso, grazie anche all’introduzione di sistemi d’allenamento e di gioco derivati dai modelli europei, come accaduto per Myanmar, Vietnam, Laos e Singapore.

Note negative

La pochezza dell’Indonesia Non ci sono scuse, l’Indonesia avrebbe dovuto vincere il torneo a mani basse. L’unica nazione al mondo con una prima divisione composta da 36 squadre (fortunatamente suddivise in due gironi) non riesce a produrre calciatori di livello dignitoso. I motivi e le problematiche del paese sono risaputi, ma le premesse e le aspettative andavano comunque rispettate, soprattutto per i tifosi.

La Cambogia Ok, la Cambogia non sarà un paese rinomato per il suo livello di calcio espresso, ma è possibile che non si riescano a trovare almeno 11 calciatori decenti in un paese in cui il calcio è lo sport nettamente dominante? Il sistema calcio locale va completamente rifondato, perchè il livello tecnico mostrato dalla nazionale di Lee Tae Hoon è stato da film horror.

Rivalità troppo accese Quando si trovano di fronte Indonesia e Malesia più che calcio di solito si vede una guerra a suon di scarpate, calci, interventi killer, insulti, risse. E questo tipo di rivalità si riflette anche tra le tifoserie, dove gli incidenti sono all’ordine del giorno. E se forse gli animi venissero calmati da entrambe le parti, i due tifosi indonesiani morti nella ressa pre-finale davanti allo stadio, non avrebbero fatto la fine che hanno fatto. Il calcio è sport, non dimentichiamocelo.

A cura di Christian Rizzitelli

Un nuovo capitolo della storia del calcio è stato scritto: ce l’hanno fatta anche loro.

Ore 15.00 del 22 novembre. Orario che al 99% degli amanti del calcio non dice o diceva nulla. Partite di cartello non ce n’erano, non si giocava in nessuna competizione rilevante. Ma, in giro per il mondo, non esiste un secondo in cui un pallone da calcio non rotoli su un campo verde. E uno di questi palloni, nella sperduta Apia, capitale delle Samoa, in un pomeriggio soleggiato e tranquillo come tanti se ne vedono da quelle parti, ha scritto un nuovo capitolo di questo leggendario sport.
La partita in questione è Samoa Americane – Tonga. Partita che difficilmente genera interesse, dato che le squadre oceaniche non sono troppo familiari col calcio, per usare un eufemismo. Ma l’importanza, almeno simbolicamente, c’è: si tratta di una partita di qualificazione alla Coppa del Mondo, che si giocherà tra tre anni in Brasile. Ovviamente nessuna delle due squadre approderà alla competizione, poichè in Oceania ci sarà la Nuova Zelanda che farà un sol boccone di tutte le piccole realtà isolane.
Ed ecco allora che la partita che inaugura queste qualificazioni oceaniche si presenta come una delle tante, che si sono viste nel corso degli anni. Sole accecante, campetto da oratorio, un centinaio di spettatori sugli spalti, accorsi più per la (presunta) importanza del match, che per lo spettacolo che le squadre offriranno, con un pensiero comune: il risultato già scritto. Da quanto esiste, la nazionale di calcio delle Samoa Americane, cioè dal 1984, non ha mai vinto una gara ufficiale. Ha solamente affrontato le vicine rivali delle isole del Pacifico, più l’Australia. Ed è proprio grazie a quest’ultima che ha ottenuto un pò di popolarità, anche se molti calciatori americani samoani ne avrebbero fatto volentieri a meno. Infatti, la sconfitta per 31-0 contro i Socceroos a Coffs Harbour nel 2001 è il risultato col margine più ampio di sempre in un match ufficiale. Ma non solo non aveva mai vinto un match (il 3-0 a Wallis e Futuna nel 1983 era un match non ufficiale), non aveva nemmeno mai pareggiato. Solo sconfitte, solo umiliazioni, solo delusioni. In totale, 19 reti segnate e 291 subite. Se non si tratta di un dato indicativo…Per Tonga sarebbe dovuta essere una passeggiata.
Non che la squadra in maglia rossa sia composta da fenomeni, sia chiaro, ma il livello dei suoi calciatori è nettamente superiore a quello dei modesti avversari.
E allora si gioca. Si vede il solito, grezzo, rude, ma affascinante calcio, tipico di questi paesi. Ma si vede anche qualcosa di strano: siamo al 43′, e le Samoa Americane non hanno ancora subito gol. Con ogni probabilità già questo si tratta di un record. Ma non solo, le Samoa Americane passano in vantaggio, con Ramin Ott(discutibile la parata di Felela sul suo tiro), altro record. E vanno all’intervallo in vantaggio, senza aver subito gol. Comunque finisse, questo primo tempo sarà ricordato come un primo tempo storico, un primo tempo record.
Nella ripresa aumenta la pressione per gli uomini di Thomas Rongen (il quale ha un sacco di esperienza negli states, dove ha allenato DC United, Chivas USA, la nazionale U20), i tongani vogliono evitare la figuraccia, che sarebbe storica. Ma qualcosa va storto, terribilmente sorto. Dopo un pallone perso in maniera quasi “divertente”, il 17enne Shalom Luani sigla il 2-0, a un quarto d’ora dal termine, infortunandosi nella circostanza. Le Samoa Americane sono in vantaggio di due reti, in una gara di qualificazione ai mondiali, a poco più di 15 minuti da quello che sarebbe un traguardo storico, epico, incredibile, inimmaginabile.
Tonga però si riversa in avanti, e accorcia le distanze all’88’ con Unaloto Feao, costringendo le Samoa Americane ad un catenaccio finale per evitare quella che ormai sarebbe una beffa. In qualche modo, con calci, scontri, agonismo, sforzi, fatica, ed un cuore immenso, ce la fanno. Le Samoa Americane, i più scarsi, i più umiliati, quelli che giocano con un transessuale (il difensore centrale Johnny Saelua), hanno vinto, una nuova pagina del calcio è stata scritta. Quella che è da tutti considerata la nazionale più scarsa del mondo, ha ruggito. Al fischio finale si piange, ci si abbraccia, si esulta come se la Coppa del Mondo fosse stata davvero vinta.
Perchè alla fine, le Samoa Americane, il loro Mondiale l’hanno vinto davvero, in quel pomeriggio del 22 novembre, tanto normale quanto unico. Pomeriggio che verrà ricordato per sempre, in tutto il mondo del calcio.

P.S. Ieri le Samoa Americane hanno ottenuto il secondo risultato storico più importante, pareggiando 1-1 con le Isole Cook, sempre nelle qualificazioni ai mondiali, con altro gol del ragazzino, Shalom Luani. Si deciderà tutto nell’ultima gara contro i padroni di casa, e rivali, delle Samoa. Se le Samoa Americane vinceranno, si qualificheranno alla Coppa delle Nazioni oceaniche del 2012, ed al secondo turno di qualificazione per il Brasile, risultato mai raggiunto, chiaramente. Un sogno, quasi impossibile, che durerà 90 minuti. Ma dopo le ultime imprese, crederci è diventato lecito.

A cura di Christian Rizzitelli

Socceroos qualificati, ma quanta fatica!

Il gol di Holman al 76′ condanna la Thailandia e qualifica l’Australia all’ultimo turno di qualificazione per Brasile 2014, già con la certezza del primo posto del girone.
Ma i Socceroos hanno confermato la preoccupante involuzione di gioco già evidenziata nella precedente sconfitta a Muscat contro l’Oman.
Chiariamo subito, non si tratta di una situazione tragica, dato che l’obiettivo concreto è stato centrato. Ma in vista delle ben più importanti gare che si giocheranno nell’ultima fase, è bene analizzare cosa non va e cosa bisogna migliorare nella selezione di Holger Osieck.

I centrocampisti centrali

La coppia Jedinak – Valeri, in questo momento, non funziona. I due non stanno offrendo qualità e agonismo a sufficienza.
Fortunatamente Osieck ha una vasta scelta per il centrocampo, soprattutto per il mediano interditore. Si potrebbe provare a schierare uno tra Herd, Williams (che da terzino destro gioca totalmente fuori posizione) e Paartalu del Brisbane Roar, che strameriterebbe la convocazione in nazionale.
La questione regista (ovvero Valeri) è già più complicata, poiché a parte Kilkenny, non esistono tantissime alternative all’altezza. Si è fatto il nome di Terry Antonis, che nel Sydney sta facendo straordinariamente bene. Ma il ragazzo ha 17 anni, e difficilmente lo vedremo nella nazionale maggiore in tempi brevi.
Oppure c’è una terza opzione, sperare che Jedinak e Valeri tornino su livelli accettabili, come fecero (soprattutto il primo) nella Coppa d’Asia.
A te la scelta, Holger.

Troppa gente fuori posizione

Williams, Holman, McKay, Wilkshire, Kewell, solo per nominarne alcuni.
Osieck s’è dato un po’ troppo alla pazza gioia in queste ultime settimane, tant’è che contro l’Oman ha schierato McKay come terzino sinistro(quando mai l’abbiamo visto ricoprire questa posizione?), Wilkshire come esterno di centrocampo (con la nazionale aveva sempre giocato da terzino), Holman come laterale sinistro (mentre è una seconda punta, o al massimo un’ala), Kewell come seconda punta (nel Melbourne Victory occupa questa posizione, ma l’A-League non è la stessa cosa delle qualificazioni ai mondiali) oltre al solito Williams, che ormai gioca solo da terzino, indifferentemente se a destra o a sinistra, mentre nel Middlesbrough fai il centrale di difesa, o il mediano all’occorrenza.
E quando a tanti giocatori vengono fatte richieste non consone alle loro qualità, è normale che il loro rendimento crolli drasticamente.
Va bene sperimentare nuove soluzioni, ma non bisogna esagerare, altrimenti si compromette la prestazione, come accaduto a Muscat.

Se i giovani ci sono, perchè non convocarli?

L’Australia a Sudafrica 2010 aveva un’età media di 28,4 anni, alla Coppa d’Asia di 27,5 anni.
Osieck sta facendo un’ottimo lavoro sotto questo punto di vista, dato che ha abbassato notevolmente l’età della squadra introducendo diversi volti nuovi, come Nichols e Herd per le ultime due partite (entrambi 22enni).
Ma si potrebbe fare ancora molto di più, dato che schierare giocatori che in Brasile non avranno più l’età per andarci risulta controproducente.
Parlo di gente come Emerton, Kewell, Schwarzer: sono delle ovviamente leggende, dei campioni. Ma il fisico non è più quello di una volta, e soprattutto per i primi due che sono giocatori di movimento, si vede.
Persino Cahill sta mostrando qualche segnale di cedimento nell’Everton.
Osieck potrebbe convocare i vari Rukavytsya (24 anni, dell’Hertha), Oar (19 anni, dell’Utrecht), i già citati Antonis e Paartalu, DeVere (22 anni, gioca, e gioca molto bene, in Corea del Sud, nel Gyeongnam).
Partite il cui risultato è totalmente ininfluente come le amichevoli o come l’ultima del gruppo contro l’Arabia Saudita sono l’occasione giusta per questo tipo di sperimentazioni, speriamo vengano fatte.

A-League Roos

Una delle cose di cui va reso merito a Verbeek è che faceva disputare delle amichevoli, e talvolta delle gare ufficiali come le qualificazioni alla Coppa d’Asia, ad una nazionale interamente composta da giocatori militanti nell’A-League.
Riproporre questo tipo di soluzione sarebbe utilissimo (ancora meglio con squadre composte quasi interamente da ragazzi under 23, come hanno fatto il Costa Rica e il Messico in Copa America), soprattutto nel caso in cui uno di questi giocatori venisse convocato per gare ufficiali.
E tornei come la Suzuki Cup offrono occasioni ancora più ghiotte: non si tratterà della Copa America, ma un po’ di esperienza internazionale in più non ha mai fatto male a nessuno.

A cura di Christian Rizzitelli

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: