Archivi Blog

AOFC (Asian Oceanian Football Confederation): ten reasons why Oceania should say yes

The Asian Oceanian Football Confederation. The solution to long-standing troubles such as isolation, backwardness and scarce international competitiveness which continuously involve the OFC (Oceania Football Confederation) could be found there, in the neighboring Asiatic counterpart. Without any doubt integrating Oceanian countries in a fast-growing scenario like Asia would represent a decisive, historic turn for the football played on the Pacific islands, which have had few chances to attract interest outside their relatively small continent so far.

Obviously it’s just an idea and nothing like this is on the table right now, but let’s analyze together which could be the ten biggest benefits which would derive from the birth of the AOFC.

1.International competitiveness

If you’ve ever heard someone talking about Oceania, New Zealand, Fiji and Tonga on sports matters, they were probably related to the continent’s dominant sporting activity, rugby, in which all of them excel brilliantly on the global stage. Apart from New Zealand, where a footballing culture is growing up after the All Whites‘ heroics at the last World Cup in South Africa, barely you can associate the names of these countries to football, as many Oceania’s nations would find it hard even to compete against clubs from the Italian sixth tier.

2.The clubs

The same can be said about clubs. It doesn’t make so much sense playing continually against the same opponents, especially considering their low technical level.

At international level, OFC club teams can prove themselves only at the Club World Cup, where they often have to face off some of the strongest Asian teams in an uneven and difficult play-off.

It’s by far more useful that these teams play with a certain regularity at improved standards, and not just once a year. And getting the chance to play clubs like Kelantan, Nagoya, Arema or Seongnam, despite they’re not Barcelona or Manchester United, would already be an enormous step forward to the right direction.

3.Technical development

Oceanian football would heavily improve in many different aspects, from the growth of young players to a more professional management of societies. A technical development which groups any side of football both on and off the pitch must be considered the turning point around which all the the others would subsequently rotate.

4.The economical aspect

As football is considerably expanding as a worldwide multi-million market, the economical aspect is a hugely relevant part of the game. The Oceania Football Confederation actually lives of funds coming from sponsors and partnerships with other federations (the FA of England, the Australian FFA), and recently some drawbacks from Oceania’s football governing body showed how much they need to find a solid business stability in order of avoiding to affect the game in the continent. For example, OFC general secretary Tai Nicholas in September revealed that OFC couldn’t provide the broadcast of the 2014 World Cup qualifiers across the continent as it would have meant a cost of USD 140,000 for OFC TV, the confederation’s production unit, despite tv broadcasters from Tahiti and New Caledonia had already bought the rights. “We have to operate financially and be prudent with our funds and OFC TV was facing a USD 140,000 loss in the live production. This does not make good business sense and it would have been irresponsible of us to proceed any further,” he declared. “We apologize for the situation but there are high costs involved and great difficulties logistically in the production of such matches with games played across four countries within a few days of each other.”

Surely in Asia it would be extremely unlikely to face another situation like this, especially for matches such as the World Cup qualifiers.

And inevitably, the local federations of the Pacific nations can’t afford the costs of the organization of friendly matches at the current state of things.

All of us know how necessary is money in sports today, and for an upgrade of football in Oceania is indispensable a parallel economic improvement.

5.The passion of fans

In some Oceanian countries, like the Solomon Islands and Vanuatu, football is considered the national sport, it’s widely played and gets thousands of followers. Local fans deserve to see their dreams come true one day, like watching their national team winning a once-in-a-lifetime match. And if you question the real existence of the passion for the game, just think that more than 10,000 fans watched the 2011 South Pacific Games final in New Caledonia, or that over 22,000 people came out to witness the Solomon Islands securing a 2-0 win against Tahiti in their first match of the 2014 FIFA World Cup qualification games.

6.The chance of playing regularly

Factors like excessive costs and a lack of interest from international mass media contribute to positioning football at the lowest levels of the continental sports hierarchy. So we don’t have to be surprised if we discover that most of Oceanian countries play some international games just once every four years, during the South Pacific Games or the WC qualifiers, when these two tournaments don’t coincide, reducing even more the number of games that every country plays. And without any game time, improving is a titanic task-

7.A greater visibility

Let’s imagine that Indonesia and Papua New Guinea, two bordering countries, organize a friendly match. The Guineans, apart from playing a kind of derby with their Asiatic neighbours, would receive attention from an entire footballing nation like Indonesia, which counts more than 200 millions people. It would be a completely different new situation, as their opponents usually don’t number even 100,000 people among them (American Samoa, Tuvalu and so on).

And also national talents would take advantage of the visibility that Asian football guarantees, for not getting snobbed just reading their provenance on their identity cards. Because unfortunately it’s so difficult to find a player good enough for professional football on the Pacific islands that we shouldn’t be shocked to see things like these happening.

8.New Zealand: the British style in Asia

Not only the OFC would take advantage from an association with its Asian counterpart but also the AFC could improve a lot with a theoretical entrance of New Zealand, whose football’s impressively improved in recent years. Not only the All Whites shocked the world with their unbeaten run at the last World Cup, but also the youth national teams have shown glimpses of class, demonstrated by prowesses of high-promising talents with the likes of Leicester City’s Chris Wood, who has scored 13 goals so far in the Championship, and the labelled ‘KiwiMessi’ Marco Rojas, who is literally ripping up his opponents in the A-League.

A team who is based on a typical Britannic physicity with a huge amount of quality emerging: a more than interesting calling card for New Zealand.

9.The ‘Oriundos’: future heroes?

Some points above I had written that it’s very difficult to find some footballers suitable for professional football in the Pacific zone. Yet it’s difficult but not impossible, as there are Benjamin Totori from the Solomon Islands, who plays as a super-sub for the Wellington Phoenix in the A-League, Georges Gope-Fenepej of Troyes and Lorient’s Wesley Lautoa, both from New Caledonia, who ply their trade in the French Ligue 1, and the list could go on. But this list could even be much more longer if we consider all the players native of these Oceanian countries who could potentially represent their originary nation: just think of Marama Vahirua, a former France U-21 international who recently declared he’d like to represent Tahiti at the next Confederations Cup, Central Coast Mariners left-back Brad McDonald, who was born in Papua New Guinea, or Western Sydney Wanderers’ Tahj Minniecon, whose blood is mixed up with Vanuatuan heritage. There are many others unfortunately unavailable now, like Reading centre-back Adrian Mariappa, who could have played for Fiji instead of Jamaica, or Nouméa-born Frédéric Piquionne, who could have boosted Les Cagous’ team for the World Cup qualifiers hadn’t he chosen Martinique and France over them, or, referring to the past, 1998 World Cup winner Christian Karembeu, born in Lifou, New Caledonia, and the greatest Oceanian player of all time.

It’s easily understandable that most of these players chose to play for stronger national teams instead of their little-known native countries, but things would change had the Pacific islands the chance of fighting for relevant targets in the footballing panorama.

Why on Earth should Brad McDonald or Tahj Minniecon decide to play for teams who only get a handful of matches every four years instead of living with the potential hope of playing a World Cup with Australia (despite it seems unlikely for them)?

10.The history

The birth of the AOFC would mark the start of a new era for football in Oceania. And for these small countries every chance of playing would be historic, a pleasurable novelty, which would then become a habit. Unfortunately the ideas of just few people to make a whole continent dream will never be enough, a turn like this needs that the first steps come from the OFC’s headquarters. The only thing we can do is waiting for some good news, and maybe continuing to spread and create new ideas. Let’s hope one day we’ll wake up seeing this dream come true.

 

Breaking News: Philippines to play Indonesia friendly on June 5

The Philippines have confirmed they have lined-up a friendly match against three-times ASEAN champions Indonesia in Manila on June 5.

Both the teams will use this match as a preparation for the upcoming AFF Suzuki Cup, which will be played between November and December in Thailand and Malaysia.

This is the third friendly Philippines will play in June, after they will face current regional champions Malaysia on June 1 in Kuala Lumpur and Thailand on June 8, despite the match against the War Elephans has yet to be confirmed.

“I expect some fantastic games, but these are build-up matches for the AFF Suzuki Cup later in the year,”  Azkals’ coach Michael Weiss told after the confirmation of the game.

“This is to study our opponents, we need to make a test here and there to try to do something and also to win because we will be with the strongest team.”

The team will start training with a group made up of mainly home-based players in Bacolod from May 21, but more overseas stars will be added to the team after European leagues will come to an end.

Follow me on 

Inter, andiamo a conoscere gli avversari della tournée in Indonesia

Verso la fine di maggio, l’Inter di Claudio Ranieri partirà per l’Indonesia con destinazione Jakarta per disputare una serie di amichevoli contro delle selezioni locali, come ultimo appuntamento della stagione. E’ un’occasione irripetibile per i tantissimi sostenitori della Beneamata di nazionalità indonesiana, perchè per la prima volta potranno confrontarsi da vicino con i loro beniamini. Ma l’Inter, che avversari si troverà di fronte? E il popolo nerazzurro, che cosa deve aspettarsi da questa strana ma avvincente tournèe?

Indonesia, una nazione che vive per il calcio, ma…

Da diversi anni a questa parte il calcio ha seminato tutti gli altri sport per popolarità e passione tra il popolo indonesiano. Si potrebbe benissimo dire che l’Indonesia è un paese che vive per il calcio, e in certi casi lo dimostra anche troppo platealmente (è sovente vedere incidenti sugli spalti tra le tifoserie). Ma ciò nonostante, il Team Garuda (così la nazionale viene soprannominato dai supporters) e i vari club non hanno mai ottenuto risultati degni di nota, nè sembrano sulla strada giusta per provare a strappare qualche successo. Infatti tra questioni politiche (addirittura esistono due campionati di prima divisione con due federazioni totalmente distaccate l’una dall’altra!), mancanza di strutture adeguate, soldi spesi male e completa inesistenza di progetti a lungo termine su basi solide, l’Indonesia continua a sprecare il proprio patrimonio umano collezionando delusioni. Ultime in ordine cronologico la sconfitta in finale contro gli acerrimi rivali della Malesia nei SEA Games (competizione giocata in casa, fra l’altro) e l’en plein di 5 ko su 5 partite nel terzo turno di qualificazione ai Mondiali in Brasile.

Gli avversari: la nazionale e la selezione Best XI

Nella sua tournèe l’Inter giocherà due partite: la prima contro la nazionale indonesiana (non si è ancora ben capito se la nazionale maggiore, o under 23), la seconda contro una selezione dei migliori calciatori del campionato (sarebbe più corretto dire “campionati”) locale.
Sono entrambe due partite semplici sulla carta, anche se l’atmosfera dello stadio in cui disputeranno gli incontri, il Gelora Bung Karno Stadium, impianto da 88,000 posti capace di creare un’atmosfera incredibile in ogni circostanza, può sempre risultare una fattore a favore degli uomini Aji Santoso.
L’avversario più ostico dei due è sicuramente la selezione dei migliori undici del campionato, che comprenderà diversi giocatori stranieri, soprattutto africani, australiani ed europei a fine carriera.

Andik Vermansyah: il Messi indonesiano

L’unico giocatore che potrebbe creare problemi all’Inter è il giovane Andik Vermansyah, conosciuto in patria come il Messi d’Indonesia.
L’accostamento, sebbene molto azzardato, rispecchia notevolmente la considerazione che i media locali e gli appassionati del calcio indonesiano hanno sul ragazzo classe ’91.
E’ il classico giocatore molto stile-sudamericano, rapido con la palla tra i piedi, veloce in accelerazione, minuto fisicamente, brevilineo e molto tecnico con entrambi i piedi.
Nell’ultima sessione di mercato, che a breve si concluderà, è stato oggetto d’interesse di squadre come Benfica, Porto, Los Angeles Galaxy e Novara. Potrebbe trattarsi del primo, vero, espatriato calciatore indonesiano in Europa (l’altra speranza è il 18enne Arthur Irawan, attualmente nella Cantera dell’Espanyol), anche se il suo status di extracomunitario è un ostacolo difficile da superare che lo costringe a rimanere al Persebaya Surabaya. E viene anche da sorridere se pensiamo che il miglior talento del paese da bambino vendeva ghiaccio per le strade per potersi permettere di realizzare il suo sogno.

Una terra fertile per il marketing

L’Indonesia è una terra molto fertile per il marketing delle migliori società calcistiche europee. Rare amichevoli del genere vengono viste come eventi nazionali per poter dimostrare all’Europa il proprio valore e per permettere ai fans di osservare da vicino e dal vivo i loro idoli. Ma come l’Indonesia, anche altri paesi dell’ASEAN (il Sudest asiatico) calzano a pennello sotto quest’aspetto, come Thailandia e Malesia. Organizzare più spesso eventi del genere porterebbe benefici da ambo le parti. Che sia l’inizio di una lunga serie?

A cura di Christian Rizzitelli

SEA Games: le tigri ruggiscono ancora

Ancora una volta Malesia. Per la seconda volta consecutiva, sono le tigri ad aggiudicarsi il torneo disputato tra le nazionali under 23 dell’Asia del Sudest, grazie ad una drammatica vittoria in finale ai calci di rigore contro la deludente Indonesia, paese ospitante della manifestazione.

Il torneo

Tutti gli undici paesi della zona subcontinentale hanno preso parte alla manifestazione, per un totale di undici squadre suddivise in due gironi. Il Gruppo A, che comprendeva Indonesia, Malesia, Thailandia, Cambogia e Singapore, è stato vinto da Malesia ed Indonesia; il Gruppo B, composto da Vietnam, Filippine, Myanmar, Laos, Timor Est e Brunei, è stato vinto invece da Vietnam e Myanmar. Le semifinali sono andate come da pronostico: l’Indonesia ha superato per 2-0 il Vietnam, con i gol di Wanggai e Bonai, mentre la Malesia ha vinto solo all’85’ contro il super sorprendente Myanmar, grazie a Fakri. La finale, giocata al Gelora Bung Karno Stadium di fronte ad oltre 90,000 spettatori, sì è conclusa sull’1-1 ai supplementari (per l’Indonesia rete di Gunawan al 5′, per la Malesia pareggio al 34′ di Asraruddin, tutto nel primo tempo) ed ai rigori è stato decisivo il portiere malese Khairul Fahmi, che parato due rigori, regalando la vittoria ai suoi. Medaglia di bronzo per il Myanmar che ha schiantato 4-1 il Vietnam nella finalina per il terzo posto.

La partita

Come scontato, la partita più importante e suggestiva dell’intero torneo è stata la finale tra l’Indonesia e la Malesia, nazioni divise da un’acerrima rivalità. Le squadre si erano già incontrate nella fase a gironi, con la Malesia che era uscita meritatamente vincitrice per una rete a zero (decisivo al 17′ Syahrul). La finale però è tutta un’altra partita: l’Indonesia domina e passa in vantaggio dopo pochissimi minuti con un’incornata di Gunawan da calcio d’angolo, ma la Malesia riacciuffa il pari al 34′ con un gol abbastanza rocambolesco del terzino sinistro Asraruddin, giocatore che vanta ben 25 presenze nella nazionale maggiore. Il Team Garuda cerca di riportarsi in vantaggio, sospinto da un pubblico rumorosissimo, ma si deve arrendere alle prodezze di Khairul, vero man of the match dell’incontro. Ed il portiere del Kelantan FA (squadra del campionato malese) conclude in bellezza la sua splendida performance parando due rigori, dopo che la partita si era conclusa in parità al 120′. Ed ecco allora concretizzarsi l’ennesima delusione per l’Indonesia, il cui 2011, sia a livello senior che giovanile, è stato un completo disastro.

La sorpresa: il Myanmar

Senza ombra di dubbio, nessuno si sarebbe aspettato un torneo così positivo per il Myanmar. Da squadra materasso a rivelazione inaspettata: anzi, se non fosse stato per le parate del solito Khairul in semifinale, probabilmente la squadra dello svedese Hansson sarebbe pure approdata in finale, dove se la sarebbe giocata a viso aperto contro l’Indonesia. I calciatori burmesi hanno dimostrato di saper giocare a calcio, e anche da squadra: quattro vittorie (3-2 al Laos, 4-0 al Brunei, 5-0 alle Filippine, 1-0 a Timor Est) e un pareggio (0-0 col Vietnam, partita giocata per larghi tratti in inferiorità numerica) su cinque partite nel girone sono sicuramente un ruolino di marcia impronosticabile, quasi da schiacciasassi. E anche il 4-1 allo stesso Vietnam (stavolta in 11 contro 11) è un risultato che fa clamore, perchè negli anni la differenza tra le due nazionali è sempre stata piuttosto netta. Ed oltre alla bravura del ct Hansson, il Myanmar deve ringraziare Kyaw Ko Ko, a nostro parere il miglior calciatore dell’intera competizione.

La delusione: le Filippine

Gli Azkals hanno disputato un torneo di gran lunga al di sotto dell aspettative. Una squadra in cui erano presenti otto calciatori che militano tra Europa e Stati Uniti (si tratta della selezione con più calciatori militanti all’estero dell’intero torneo), doveva necessariamente fare qualcosa di più, ma molto di più. Gli uomini di Weiss hanno concluso con una sola vittoria, raggiunta al 93′ contro il Laos (risultato finale di 3-2) e addirittura quattro sconfitte, alcune delle quali clamorose (come contro Timor Est e Brunei), altre umilianti (il 5-0 dal Myanmar). Un netto passo indietro per il calcio del paese, che aveva mostrato segni di progresso evidenti e promettenti, con le recenti prestazioni della selezione maggiore.

Il talento del torneo: Kyaw Ko Ko

Il premio ufficiale di MVP del torneo è stato dato al centrocampista offensivo indonesiano Oktovianus Maniani, ma noi siamo di un altro avviso. Kyaw Ko Ko, 19enne attaccante del Myanmar e titolare stabile nella nazionale maggiore da diverso tempo, è sicuramente il giocatore che ha fatto intravedere talento e classe come nessun altro nell’intera competizione. Attaccante centrale, rapido, tecnico e dotato un buonissimo fiuto del gol (5 reti collezionati in 7 partite, con diversi assist), è stato un tormento continuo per le retroguardie avversarie, che non sono mai riuscite ad arginarlo (meraviglioso il gol del 4-0 alle Filippine, dove ha superato il diretto avversario con uno splendido sombrero). Il suo ct Stefan Hansson gli ha organizzato un provino per gennaio con un club svedese, l’Helsingborg, dove le qualità per poterci giocare non gli mancano. Per ora milita in patria, nello Zeyashwemye, club con il quale ha realizzato ben 20 gol in 18 partite di campionato.

Ma vale la pena nominarne altri

Oltre a Kyaw Ko Ko merita un’ulteriore menzione il portiere malesiano Khairul Fahmi, autore di diversi interventi decisivi e prodigiosi. Il ragazzo classe ’89 si contende con il thailandese Katwin Thammasatchanan (che non ha preso parte al torneo causa infortunio) il titolo di miglior portiere della zona. Inutile dire che una chance in Europa la meriterebbe anche lui. Ma paradossalmente il calciatore malese più interessante non è stato Khairul, ma il 17enne centrocampista centrale della squadra, il baby-fenomeno Nazmi Faiz: il ragazzo classe ’94 ha mostrato delle qualità assolutamente straordinarie per la sua età: precisione nei passaggi, tempi di gioco, senso della posizione, un portentoso tiro dalla distanza (da vedere il gol contro il Bahrein u23 nelle qualificazioni a Londra 2012, una sassata micidiale). Scout di tutta Europa, fate attenzione.
Anche l’Indonesia ha mostrato un paio di calciatori interessanti: su tutti Patrich Wanggai (5 reti nel torneo), definito il Nicolas Anelka locale, e Andik Vermansyah, centrocampista offensivo di 20 anni che avrà l’opportunità della vita con un provino offertogli dai Los Angeles Galaxy.

Note positive

Il ritorno del Brunei Dopo 10 anni di assenza, una selezione del paese torna a giocare in una manifestazione internazionale, scontata la squalifica imposagli dalla FIFA di 10 anni. Ed è stato un torneo più che positivo, con la selezione locale capace di conquistare 4 punti in 5 gare, grazie al 2-1 alle Filippine ed al 2-2 col Laos. Welcome back Brunei.

Tanti calciatori militanti all’estero E’ raro vedere in un torneo tra selezioni di questo livello e di questa zona del mondo così tanti calciatori che militano in campionati europei, statunitensi e perfino sudamericani (vedi Timor Est). In totale c’erano 17 giocatori tra Belgio, Germania (anche in 2. Bundesliga), Slovacchia, Brasile, Spagna, Olanda, Stati Uniti. Non si tratta di un risultato eccezionale, ma rispetto al passato è un piccolo passo avanti, certamente positivo.

Un insolito equilibrio Eccezion fatta per la Cambogia, il livello del torneo è stato molto equilibrato, con diverse partite tirate e dall’esito assai incerto. Segno che i paesi più “deboli” stanno avvicinandosi ai migliori attraverso un lento ma costante progresso, grazie anche all’introduzione di sistemi d’allenamento e di gioco derivati dai modelli europei, come accaduto per Myanmar, Vietnam, Laos e Singapore.

Note negative

La pochezza dell’Indonesia Non ci sono scuse, l’Indonesia avrebbe dovuto vincere il torneo a mani basse. L’unica nazione al mondo con una prima divisione composta da 36 squadre (fortunatamente suddivise in due gironi) non riesce a produrre calciatori di livello dignitoso. I motivi e le problematiche del paese sono risaputi, ma le premesse e le aspettative andavano comunque rispettate, soprattutto per i tifosi.

La Cambogia Ok, la Cambogia non sarà un paese rinomato per il suo livello di calcio espresso, ma è possibile che non si riescano a trovare almeno 11 calciatori decenti in un paese in cui il calcio è lo sport nettamente dominante? Il sistema calcio locale va completamente rifondato, perchè il livello tecnico mostrato dalla nazionale di Lee Tae Hoon è stato da film horror.

Rivalità troppo accese Quando si trovano di fronte Indonesia e Malesia più che calcio di solito si vede una guerra a suon di scarpate, calci, interventi killer, insulti, risse. E questo tipo di rivalità si riflette anche tra le tifoserie, dove gli incidenti sono all’ordine del giorno. E se forse gli animi venissero calmati da entrambe le parti, i due tifosi indonesiani morti nella ressa pre-finale davanti allo stadio, non avrebbero fatto la fine che hanno fatto. Il calcio è sport, non dimentichiamocelo.

A cura di Christian Rizzitelli

Thailandia, l’exploit continua anche a livello giovanile

Dal completo anonimato fino allo strapotere nell’Asia dell’Est, e pronta ad estenere il proprio dominio all’intero continente, in ogni fascia d’età.
Che la Thailandia negli ultimi mesi sia diventata una delle nazionali asiatiche più emergenti ed interessanti è cosa ormai nota, ma che le potenzialità dei giovani che costituiranno la nazionale del futuro siano di gran lunga superiori a quelle della Thailandia senior attuale, forse no.
Infatti entrambe le selezioni giovanili (u16 e u19) si sono qualificate alle rispettive Coppe d’Asia disintegrando letteralmente i propri avversari. E non si trattava di squadre materasso, in ballo c’erano anche nazionali di primissima fascia per il continente.

L’U16: tanto entusiasmo e goal a valanga

Storicamente la nazionale u16 è stata la migliore degli elefanti, con due qualificazioni consecutive ai mondiali di categoria, nel 1997 e 1999.
Dire che la storia potrebbe ripetersi è ancora prematuro, poiché c’è tutta la Coppa d’Asia (le cui semifinaliste taccano il pass per il mondiale) da giocare; ma le premesse lasciano molte speranze.
La baby Thailandia ha concluso il gruppo di qualificazione con 5 vittorie su 5, 15 punti, 28 reti segnate e 6 subite.
La prima vittima è stata l’Australia: i molto più quotati canguri sono stati sconfitti per 3-2 in rimonta: bellissima soprattutto la rete del parziale 3-1 della Thailandia firmata da Puangbut, attaccante che è andato a segno in tutte le partite di qualificazione disputate, nonché stella della squadra insieme al compagno di reparto Sittichok Kannoo, brevilineo esplosivo.
La seconda partita non fa testo, dato che il Guam non può essere considerato un avversario in grado di dare indicazioni rilevanti: l’11-0 finale (ben 5 reti di Kannoo) è anche un punteggio ingannevole, poiché (come accade spesso in questi casi) la Thailandia ha smesso di giocare nella ripresa, a risultato ormai acquisito.
Più complicata la terza partita, contro i rivali del Myanmar. Non che i birmani siano fenomeni, anzi, ma trattandosi di un derby, la gara è stata ad alta intensità ed agonismo. Alla fine finisce 4-1, con due gol dei thailandesi segnati da calcio di rigore.
Il quarto match vedeva come avversario l’Indonesia. Nei momenti successivi ai sorteggi, si pensava che questo sarebbe stato il dentro o fuori per decidere chi delle due avrebbe ottenuto la seconda piazza disponibile, avendo ipotizzato che l’Australia avrebbe vinto a mani basse. Ma con i Joeys (così viene chiamata l’Australia u17) sconfitti nella prima gara, l’importanza del match è diventata relativa: anche in caso di sconfitta, sarebbe bastato sconfiggere Hong Kong (che non vale il Myanmar) per qualificarsi.
Ma la Thailandia non ha voluto regalare nulla nemmeno questa volta: l’Indonesia è sconfitta per 4-1: doppietta di Kannoo, poi Puangbut e gol di Mapern. Gli indonesiani finiscono in 9 uomini, in una gara spettacolare.
A giochi ormai fatti, serve solo sconfiggere, per chiudere a punteggio pieno, il modesto Hong Kong, l’unica squadra capace di subire un gol dal Guam. Finisce 6-2, con quattro delle sei reti firmate, tanto per cambiare da Kannoo, che finisce con l’incredibile cifra di 12 reti in 5 partite: se togliamo le 5 realizzate al Guam, sono comunque 7 in 4 gare. Non male.

Classifica:

Thailandia 15
Australia 12

Indonesia 9
Myanmar 6
Guam 0

N.B. in corsivo le squadre qualificate

L’U19: mai squadra fu più sottovalutata

Un compito molto più arduo tocca invece alla selezione u19, che deve vedersela, in un girone che sembra già scritto, con Giappone, Corea del Sud, Taipei Cinese e ancora Guam.
La prima partita è quella decisiva. Assodato che il primo posto apparterrà al Giappone, o si sconfigge la Corea del Sud, o il sogno rimarrà nel cassetto. La Thailandia, però, gioca una partita che per intensità e abnegazione non ha precedenti. Se queste poi vengono abbinate alla tecnica (vedi Thitipan, Chanatip, Panrmpak), poi, il gioco è fatto. E infatti la Corea del Sud è affondata da un gol pazzesco, il migliore di tutte le partite di qualificazione: il mediano Thitipan Puangjan sferra un destro da 35 metri che s’insacca all’incrocio dei pali, dove Ham Seom Kim (portiere coreano) non può arrivare. C’è da dire che in partita i thailandesi avevano provato spesso a calciare dalla distanza, segno di grande consapevolezza nei propri mezzi.

Qua il gol:

Superato l’ostacolo principale, alla squadra di Somchai Choybonchum bastava sconfiggere Taipei e il Guam. I primi vengono superati 1-0 con gol all’80’ di Panrmpak, dopo un assedio durato una partita intera.
I secondi, come per l’u16, sono una pura formalità: finisce 13-0, con 4 reti di Panrmpak e 3 di Jaturong.
A qualificazione ottenuta, arriva l’avversario più ostico, il Giappone.
Ma la Thailandia, contro Kubo e compagnia, mostra veramente di aver raggiunto un altro livello: la partita non è bellissima, ma estremamente equilibrata, come mai s’era visto tra queste due nazionali. Finisce 0-0, e la Thailandia chiude il girone con 10 punti in 4 partite, 15 gol segnati e 0 subiti. Vediamo se il muro invalicabile durerà anche nella Coppa d’Asia, che potrà sancire definitivamente l’inizio di una nuova era per il calcio thailandese.

Classifica:

Thailandia 10
Giappone 7
Corea del Sud 6
Taipei Cinese 0
Guam 0

Da giocare:
Corea del Sud – Giappone
Guam – Taipei Cinese

A cura di Christian Rizzitelli

Le grandi a fatica, le piccole impressionano

Questo primo turno del terzo round di qualificazione verso Brasile 2014 ha riservato diverse sorprese, con alcune imprese, clamorose, sfiorate.
Australia, Giappone,Uzbekistan e Cina sono partite tutte con i favori del pronostico, ma hanno dovuto faticare parecchio, molto più di quanto ci si aspettasse, prima di ottenere i tre punti.
Ma andiamo per ordine, partendo dal gruppo A, quello formato da Cina, Giordania, Iraq e Singapore.

GRUPPO A:

Cina – Singapore 2-1 33’Duric 69’Zheng Zhi (rig) 73’Yu Hai

Iraq – Giordania 0-2 43′ Abdel Fattah 47’Deeb

CLASSIFICA:

Giordania 3
Cina 3
Singapore 0
Iraq 0

La Cina ha oltremodo sofferto in un match facile sulla carta, contro il modesto ma combattente Singapore. Gli ospiti si sono portati in vantaggio grazie ad un gol del 41enne sempreverde Aleksandar Duric, in contropiede. I padroni di casa hanno incominciato ad assediare l’area avversaria, ma Singapore si difendeva bene, lottando con i denti. Quando i giochi stavano per farsi veramente complicati, ci ha pensato l’ex Birmingham e Celtic, Zheng Zhi, a cambiare la partita, dopo il suo ingresso a nella ripresa; prima ha siglato il rigore dell’1-1 (69′), e poi ha propiziato l’azione del gol del 2-1 segnato al 73′ da Yu Hai.
Nell’altro match impresa della Giordania, che espugna con un secco 2-0 il campo dell’Iraq, grazie alle reti al 43′ di Abdal Fatteh e al 47′ di Deeb, entrambi giocatori dell’Al Wahdat, confermando quanto ciò di buono aveva fatto vedere nell’ultima Coppa d’Asia.
L’Iraq è stato molto sfortunato, avendo colpito due traverse, ma la vittoria degli ospiti è assolutamente meritata, avendo attaccato dall’inizio e mostrandosi sempre pericolosi, soprattutto con Deeb, man of the match dell’incontro.

GRUPPO B:

Corea del Sud – Libano 6-0 8′ Park 46’Park 66’Ji 67’Park 82’Kim Jung Woo 85’Ji

Emirati Arabi Uniti – Kuwait 2-3 7’Nasser 51’Al Mutwa 65’Nasser 84’Al Hammadi 89’Khalil

CLASSIFICA:

Corea del Sud 3
Kuwait 3
Emirati Arabi Uniti 3
Libano 0

Nel gruppo B facile la vittoria della Corea del Sud contro il Libano. Un 6-0 senza storie, caratterizzato dalla tripletta del neo acquisto dell’Arsenal, Park Chu Young, e dalla doppietta del giovane attaccante del Sunderland, Ji Dong Won.
Non c’è molto da dire se non che dopo il primo tempo, conclusosi sul 2-0, il Libano ha avuto qualche chance di riaprire l’incontro, ma il 3-0 dei coreani ha spento ogni speranza dei libanesi che poi hanno subito l’imbarcata.
Nell’altro match, decisamente più equilibrato sulla carta, il Kuwait ottiene un’importantissima vittoria contro i rivali del golfo degli Emirati Arabi. La doppietta del giovane Nasser (sono già 17 le sue reti in nazionale, in 24 presenze) e la rete di Al Mutwa spianano la strada agli ospiti che devono però soffrire, in un finale al cardiopalma, il ritorno dei padroni di casa, a cui però non bastano i gol di Al Hammadi e del solito Khalil.

GRUPPO C

Giappone – Corea del Nord 1-0 94’Yoshida

Tajikistan – Uzbekistan 0-1 72’Shatskikh

CLASSIFICA

Uzbekistan 3
Giappone 3
Corea del Nord 0
Tajikistan 0

Il gruppo della morte si apre con due vittorie di misura, estremamente sofferte, delle favorite Uzbekistan e Giappone.
La squadra di Zaccheroni domina l’intero incontro, nonostante le diverse assenze (su tutte quella di Keisuke Honda, che starà fuori 3 mesi per un recente infortunio al ginocchio) domina l’incontro, giocando una gara molto paziente: gli sforzi dei Blue Samurai alla fine sono premiati dal colpo di testa di Yoshida, difensore che gioca in Olanda nel VVV Venlo, al 94′.
Anche l’Uzbekistan, che giocava contro il Tajikistan, ammesso al turno successivo dopo la squalifica della Siria, ha dovuto fatica parecchio. La vittoria è arrivata grazie al gol dell’attaccante Shatskikh a circa un quarto d’ora dal termine, dopo che i padroni di casa avevano resistito agli assati degli ospiti in maniera piuttosto egregia.

GRUPPO D

Australia – Thailandia 2-1 14’Dangda 58’Kennedy 86’Brosque

Oman – Arabia Saudita 0-0

CLASSIFICA

Australia 3
Arabia Saudita 1
Oman 1
Thailandia 0

Tremendamente sofferta la vittoria dei Socceroos contro l’apparente cenerentola Thailandia. Gli uomini di Osieck, dopo essere passati in svantaggio per un magistrale contropiede degli “elefanti” capitalizzato da un bel sinistro al volo dalla stella Teerasil Dangda, hanno incominciato un lunghissimo assedio, ma sterile, dato che la Thailandia si rinchiudeva con 11 uomini dietro la linea della palla e lasciava pochissimi spazi ai Socceroos. Nella ripresa l’impetuosità degli attacchi dei padroni di casa è aumentata, e la tanto cercata rete del pari è arrivata al 58′ con Kennedy, che sfrutta un errore del quasi perfetto Hathairattanakool, che sostituiva l’infortunato Thammasatchanan. All’86’ poi arriva anche il gol del 2-1 segnato da Brosque, dopo una mischia. Una vittoria di cuore, per gli Aussies, ma troppo stentata: “It feels like a loss”, dirà poi Schwarzer, in un’intervista.
L’altro match tra Oman e Arabia Saudita si conclude sullo 0-0, risultato più positivo per i padroni di casa che per gli ospiti, che dovranno vincere contro l’Australia nel secondo turno per non complicarsi la vita in queste qualificazioni. Il 4-3-3 classico stile dutch degli uomini di Rijkaard non è sembrato funzionare a dovere.

GRUPPO E

Iran – Indonesia 3-0 53’Nekounam 74’Nekounam 87’Teymourian

Bahrein – Qatar 0-0

CLASSIFICA

Iran 3
Qatar 1
Bahrein 1
Indonesia 0

L’Iran ottiene una netta vittoria, più difficile del previsto, contro l’Indonesia, grazie alla doppietta del suo capitano Javad Nekounam, e alla rete dell’ex Fulham, Teymourian.
Il primo tempo si è concluso sullo 0-0, con un’Indonesia piuttosto solida: nella ripresa però, due colpi di stessa da due calci piazzati dello stesso Nekounam hanno tagliato le gambe ai Garuda, che hanno subito nel finale il terzo gol, dopo una bella manovra corale.
Si conclude sullo 0-0 il derby arabo tra Bahrein e Qatar, con i padroni di casa che partivano favoriti e che hanno dominato larga parte dell’incontro, senza però riuscire a trovare la rete sperata: due punti persi per la squadra di Peter Taylor.

A cura di Christian Rizzitelli

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: